Tempo di lettura: 5 minuti
5
(1)

Che differenze tra Bitcoin e Ethereum in termini di rendimento?

Esistono molte differenze tra Bitcoin e Ethereum in termini tecnici, ma non è questo quello che parleremo in questo articolo.

Ci concentreremo piuttosto su quelle che sono le differenze in termini di rendimento tra queste 2 cryptovalute per meglio capire di che stiamo parlando e cosa potremmo aspettarci da un investimento simile.

Paragonare Bitcoin con degli asset standard, come indici azionari, è azzardato. Le condizioni al contorno dei 2 investimenti sono completamente diverse:

Esistono davvero troppe differenze per fare un confrontro che in inglese definiremo “fair“.

Ha più senso, invece, confrontare Bitcoin con la seconda cryptovaluta per capitalizzazione: Ethereum.

Come si è comportato storicamente Ethereum in termini di rendimenti rispetto a Bitcoin?

Differenze tra Ethreum e Bitcoin
Le differenze tra Ethereum e Bitcoin

Differenze tra Bitcoin ed Ethereum per Rendimenti settimanali

L’analisi che stiamo per fare prende come riferimento il periodo che va da Settembre 2015 ad Aprile 2021.

Ad inizio Settembre 2015 avevamo la seguente situazione:

  • Prezzo di 1 Ethereum = 0.74$
  • Prezzo di 1 Bitcoin = 265$

Con il senno del poi non sarebbe stato malvagio pensare di investire qualcosina all’epoca…

Per chi fosse interessato a capire quali sono alcune variabili che determinano il prezzo di Bitcoin può leggere quest’articolo.

Ad ogni modo, da quel giorno i prezzi sono andati via via crescendo con dei sali scendi vertiginosi.

Ma torniamo all’analisi dei rendimenti, nella fattispecie i rendimenti settimanali di ETH e BTC. Notiamo subito che Bitcoin ha avuto andamenti più stabili rispetto ad Ethereum. Le settimane chiuse in positivo da parte di Bitcoin sono circa il 60% rispetto al 56% di Ethereum.

Le differenze tra Bitcoin e Ethereum si notano, però, sopratutto nell’ampiezza delle oscillazioni.

Differenze tra Bitcoin e Ethereum per rendimenti
Differenze tra Bitcoin e Ethereum per rendimenti

Volendo riassumere tutto in una tabella possiamo sintetizzare come segue

MinMaxMedia
Bitcoin-33%+41%+2%
Ethereum-38%+124%+4%
Bitcoin vs Ethereum dal 2015

C’è da dire che il +124% massimo registrato da Ethereum risale alle prime settimane di vita di ETH quando il prezzo è passato da 0.7$ a 1.5$.

Restringendo l’analisi a partire da Aprile 2017 la situazione cambia leggermente

MinMaxMedia
Bitcoin-33%+41%+3%
Ethereum-38%+74%+3%
Bitcoin vs Ethereum dal 2017

Ad ogni modo, resta come spunto principale il fatto che: Bitcoin è caratterizzato da minore volatilità e minori rendimenti per l’arco temporale considerato.

Quanto avrei guadagnato con un investimento di un anno?

Abbiamo visto che in termini di rendimenti esistono delle profonde differenze tra Bitcoin ed Ethereum.

Immaginiamo ora di aver provato a investire un capitale pari a 10 mila euro per un arco temporale di 1 anno in questi asset. Consideriamo un investimento fatto a inizio di ogni mese e analizziamo quello che sarebbe stato il rendimento l’anno successivo.

Vista la forte volatilità ci saremo potuti aspettare dei guadagni stratosferici così come delle perdite altrettanto stratosferiche.

Succede così che il 53% delle volte Bitoin avrebbe restituito un rendimento maggiore rispetto ad ETH.

Certo che chi ha investito 10 mila euro a Gennaio 2017 in Ethereum l’anno successivo avrebbe potuto contare su un capitale di oltre il milione di euro.

Cose che con gli investimenti tradizionali sono impensabili.

Per avere un metro di paragone: se avessimo fatto lo stesso tipo di investimento in Bitcoin avremmo ottenuto “solo” 100 mila euro.

Bitcoin vs Ethereum - investimento di 1 anno
Bitcoin vs Ethereum – investimento di 1 anno

La grossa differenza tra Ethereum e Bitcoin, come detto, sta anche nel fatto che nel 2015 la prima era una neonata: nel pieno del boom e nell’euforia della novità.

Andiamo così ad analizzare un periodo più recente provando, in questo modo, a tagliare la spinta iniziale di ETH.

Notiamo come le differenze tra le 2 cryptovalute si sono ridotte ma comunque persistono 2 cose: la maggiore stabilità dei prezzi di Bitcoin e i maggiori rendimenti assoluti di ETH. Quest’ultimo punto è vero soprattutto da Novembre 2019 in poi.

Bitcoin vs Ethereum - investimento di 1 anno da Marzo 2017
Bitcoin vs Ethereum – investimento di 1 anno da Marzo 2017

Facciamo attenzione a una cosa però.

Il grafico in alto non mostra solo quanto avremmo potuto guadagnare con un anno di investimento in Bitcoin o in Ethereum ma anche quanto avremmo potuto perdere.

Il 14% delle volte, infatti, Bitcoin avrebbe restituito un ritorno negativo. Un investimento in Ethereum, invece, avrebbe visto aumentare questa percentuale negativa fino al 33% delle volte.

Se avessimo investito 10 mila euro nel pieno della bolla del 2018, ad esempio, avremmo avuto l’anno successivo una perdita di:

  • Bitcoin, -7356 euro
  • Ethereum, -9043 euro (il mese successivo)

Investire in crypto significa anche questo: prepararsi a ingenti perdite del proprio portafoglio che potrebbero portare anche a un azzeramento dello stesso.

In conclusione

Investire in crypto valute è facile ma rischioso. I risparmiatori devono approcciarsi a questo mondo sapendo che c’è il rischio di subire grosse perdite, potenzialmente di perdere tutto.

Tuttavia, sono sempre di più gli investitori istituzionali che si stanno affacciando a questo mondo e siamo ancora in una fase molto iniziale del mercato: le possibilità sono molte.

All’interno del mondo delle cryptovalute esistono 2 player principali per capitalizzazione: Bitcoin ed Ethereum.

Tralasciando le differenze tra Bitcoin e Ethereum a livello tecnico, quello che abbiamo potuto osservare nel corso della loro breve vita è che BTC è relativamente più stabile di ETH. Questo è in parte dovuto alla maggiore maturità della moneta, alla maggiore fama e alla maggiore capitalizzazione.

Ethereum ha mostrato nel tempo andamenti molto oscillanti: un investimento annuale fatto a partire da Gennaio 2018 avrebbe portato a perdite di oltre il 90%. Perdite che a Maggio 2021 sarebbero state del tutto recuperate, anzi… L’investitore che ha deciso di acquistare ETH nel pieno del boom a cavallo del 2017/2018 ed ha deciso di non vendere avrebbe comunque registrato nel Maggio del 2021 un rendimento del 180% circa.

Se ti interessa sapere tutto su come investire in Bitcoin o cosa determina il prezzo del Bitcoin puoi leggere questi articoli:

investire in bitcoin guidaglinvestimenti.it

Quanto ti è piaciuto il post?

  • Categoria dell'articolo:Bitcoin

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento