Tempo di lettura: 5 minuti
0
(0)

Donne e finanza: Imparare ad investire e’ un obbligo

Questa settimana ho voluto misurare l’attrattiva della coppia donne e finanza.

Ho lanciato un sondaggio su Linkedin per vedere quante donne investono e quindi si interessano alla finanza personale.

Partendo da un presupposto chiaro: “Finanza personale” non significa trading, speculazioni, temi finanziari complessi.

Finanza personale significa tante cose più semplici e importanti:

  • Sapere quanto guadagnamo al mese. Non tutti lo sappiamo perchè non tutti lavoriamo in azienda a stipendio fisso.
  • Sapere quanto spendiamo al mese.
  • Considerare se abbiamo spese superflue: il mio gestore di luce e gas è il più conveniente? L’abbonamento a tutte le pay tv in contemporanea mi serve davvero?
  • Il TFR: ce l’ho in azienda o nel fondo di categoria? So a quanto ammonterà a fine carriera e quanto io possa guadagnarci scegliendo fondo anziché azienda?
  • La pensione. Secondo le previsioni del mio portale INPS a che età andrò in pensione e con che somma rispetto all’ultimo stipendio previsto? Sarà sufficiente per mantenere il mio stile di vita?

Ebbene, dai risultati di questo piccolo e limitato sondaggio sembra che il 60% delle donne non investa, sebbene il 20% si renda conto che è importante.

Insomma: per svariati motivi – mancanza di tempo, conoscenze o ….soldi, l’accoppiata donne e finanza non sembra fare faville nel nostro paese.

Donne e finanza - sondaggio se le ddonne investono
Donne e finanza – Sondaggio su LinkedIn rivolto alle donne

Certamente questo è un sondaggio limitatissimo, non rappresentativo in termini numerici, e rivolto al pubblico di LinkedIn quindi in qualche maniera “settoriale”, per cui non soffermiamoci sui numeri perchè non sarbbe corretto, ma sulle tendenze generali per farci un’idea.

(Tranquilli, più avanti nell’articolo è riportato un sondaggio di ben altre dimensioni e validità fatto da Moneyfarm!)

Molte di noi non investono. Eppure siamo la categoria più parsimoniosa. Che non eccede in spese irragionevoli e gestisce le finanze giornaliere di casa.

Sembra però che viviamo costantemente nell’oggi, e che in termini finanziari il domani non ci riguardi: basterà avere qualcosa, ci adegueremo a quello che sarà.

Lasciatemelo dire, da donna: quanto ci sottovalutiamo a volte.

Perchè le donne non investono

Una cosa a nostra discolpa va riconosciuta: culturalmente cresciamo con il bias di inferiorità verso le materie scientifiche, e in primis la matematica.

Se vi dico che ho due figli – un maschio e una femmina – e che uno di loro fa il liceo scientifico e uno il classico, la vostra mente chi associa al liceo classico? Il maschio o la femmina?

Questo si perpetua nell’apprendimento e nell’approccio alla materia stessa: se una ragazza non capisce la matematica non si insiste più di tanto. Ci si aspetta che per lei non sia di facile comprensione.

Questo si ripercuote anche nella finanza e negli investimenti: oggi la percentuale di donne che investono o anche si interessano di inevestimenti è drammaticamentee bassa.

Basta guardare le statistiche del nostro blog che tratta principalmente di investimenti ma anche di crescita personale, per cui le stime potrebbero addirittura essere falsate in positivo: il 69% dei di visitatori contro solo il 31% di visitatrici.

donne finanza
Percentuale utenti di Guidaglinvestimenti: in azzurro gli uomini, in verde le donne – Donne finanza

donne e finanza: Le donne investono meno perchè guadagnano meno

La scarsa propensione culturale alle materie matematiche e finanziarie è però solo una parte del problema del cattivo rapporto tra donne e finanza.

L’altra metà è il gap salariale che si perpetua tra uomini e donne, che porta le donne a guadagnare meno rispetto ai colleghi uomini.

Guadagnando meno abbiamo anche una minor possibilità di investire, non risparmiando la stessa quantità di denaro.

Qualche anno fa Moneyfarm ha fatto un sondaggio in cui risulta che la percentuale di donne che non investe è ben superiore a quella degli uomini (39% vs. 29%) e che la ragione – sia per gli uomini che per le donne – è che non guadagnano o risparmiano abbastanza per investire.

Moneyfarm – Valore degli investimenti finanziari in Italia – Donne e finanza

Poche di noi ritengono di poter mettere dei risparmi da parte, e a giudicare dai rislutati del sondaggio di Moneyfarm ritengono che non sia l’educazione finanziaria il problema.

Ma ne siamo sicure?

Perchè dovremmo occuparci delle nostre finanze

Parlando con molte amiche e colleghe la cosa che mi balza costantemente all’occhio è la cecità rispetto alle preoccupazioni finanziarie.

I motivi per cui gestire le proprie finanze in maniera adeguata sono innumerevoli:

  • Ridurre i costi fissi delle proprie spese: abbiamo verificato di avere le offerte migliori per le utenze domeestiche?
  • L’inflazione: ogni anno erode i soldi che abbiamo belli stipati e immobili in banca. E che
  • Investimenti: sappiamo che investire nel lungo termine (almeno 10 anni) ci potrebbe dare un rendimento medio annuo del 6%, ben diverso da quelli delle Poste?
  • La nostra pensione. Sembra lontanissima – e lo è – ma siamo consapevoli che avremo una pensione minore del 70% del nostro ultmo stipendio? E che possiamo verificarlo semplicemente dal sito dell’INPS?
  • Dato il punto precedente, stiamo considerando una pensione integrativa?

Donne e finanza: un rapporto complicato. fino ad oggi…

Inutile nasconderci dietro a un dito: a molti di questi aspetti non pensiamo.

Spesso non siamo in grado di rispondere a domande come:

  • Qual è la spesa media che sosteniamo ogni mese?
  • Quali sono i costi delle nostre utenze, dall’elettricità al conto corrente? Sono i più convenienti?
  • Che obiettivo di risparmio (e relativo piano di riaggiungimento) abbiamo per il futuro, nostro e dei nostri figli?

Specialmente quando abbiamo uno stipendio in grado di coprire le spese non ci preoccupiamo troppo di quello che resta e come investirlo.

“Ci sono molte altre priorità a breve termine da risolvere.”

Per nostra fortuna le donne che fanno questo ragionamento sono sempre meno.

…ma che diventerà vincente da oggi in poi

Iniziamo a percepire l’urgenza di investire non per il domani, ma per il lungo termine.

In questo l’escalation delle materie STEM nella popolazione femminile sta dando una grossa mano: le donne finalmente comprendono che non sono da meno rispetto agli uomini nelle materie matematiche e tecniche.

Il rapporto tra donne e finanza è destinato a migliorare

Questo sprint speriamo e crediamo darà una spinta anche all’educazione finanziaria per entrambi i generi: essere consapevoli delle proprie finanze e di come gestirle così come facciamo giornalmente con i progetti a lungo termine al lavoro.

E ancor di più: insegnare ai nostri figli, sin da piccoli, l’educazione finanziaria.

Per crescere una generazione che a 18 anni, seppur ignara di cosa farà nella vita, sia cconsapevole di come deve gestire le proprie finanze qualunque esse siano e da ovunque provengano, sia un lavoro estivo che una paghetta settimanale.

La nostra più grande soddisfazione come blogger?

Vedere che diversi giovani iniziano a porsi domande, a costruirsi delle basi di finanza personale e, in autonomia, ad investire.

Sanno (e lo sappiamo anche noi) che l’ostacolo più grande è iniziare, o meglio ancora sapere da dove iniziare: per questo abbiamo inserito nel nostro blog la sezione “imparare la finanza personale in 9 articoli” in cui ti accompagnamo in un’overview sugli investimenti tramite 9 articoli.

Se lo fanno i giovani, se lo fanno gli uomini, possiamo certamente farlo anche noi donne: inizia a imparare qualcosa di nuovo e utile, e per qualsiasi chiarimento sugli articoli non esitare a scriverci!

Benvenuta nella cultura finaziaria.

impara la finanza

Quanto ti è piaciuto il post?

Marta Cavaliere

Ingegnere fuori e inseguitrice di farfalle dentro, appassionata di crescita personale, fotografia e viaggi. Credo nell'importanza di conoscere la finanza personale per diventare responsabili del nostro futuro, e nel miglioramento continuo sia personale che professionale. Instancabile procrastinatrice, mi occupo delle sezioni Crescita e Risparmio del blog guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento