Tempo di lettura: 6 minuti
0
(0)

Come invesitre in ETF idrogeno

Il primo Febbraio 2021 Legal & General Investment Management ha lanciato il primo ETF idrogeno.

L&G Hydrogen Economy UCITS ETF USD Acc – ISIN IE00BMYDM794

Si tratta di un ETF ad accumulazione e replica fisica. Nota dolente di questo strumento è il costo, il TER è dello 0.49%.

Si tratta del primo fondo passivo dedicato unicamente ad aziende legate all’idrogeno. Nello specifico questo fondo replica l’indice Solactive Hydrogen Economy caratterizzato da 15 aziende specializzate in questa materia.

Dal momento che questo strumento è stato emesso da pochissimo la dimensione è ancora molto piccola e non esiste uno storico che ci permette di fare valutazioni sul tipo di performance che ha restituito nel tempo.

Tuttavia, la crescente attenzione verso le energie pulite rende questo tipo di investimento interessante in ottica futura.

Portafoglio EFT Idrogeno

L’ETF sull’idrogeno replica l’indice Solactive Hydrogen Economy Index NTR.

Si tratta di un paniere di titoli ad esposizione globale

ETF su idrogeno - esposizione
ETF su idrogeno – esposizione

Le principali 10 aziende all’interno dell’indice caratterizzano circa il 60% dell’esposizione totale del portafoglio.

AziendePeso
FUELCELL ENERGY INC22%
PLUG PWR INC7%
BLOOM ENERGY CORP6%
ITM POWER PLC5%
BALLARD POWER SYSTEMS INC4%
CERES POWER HOLDINGS PLC4%
NEL ASA4%
POWERCELL SWEDEN AB3%
KOLON INDUSTRIES INC 3%
HEXAGON COMPOSITES ASA           3%

La piccola dimensione e, soprattutto, la storia troppo recente fa si che abbia poco senso di parlare di performance storiche.

Tuttavia è interessante analizzare il rendimento delle prime 3 azioni (tutta americane) per peso.

Rendimento principali azioni ETF su idrogeno
Rendimento principali azioni ETF su idrogeno

Dal 2019 al 2021 queste aziende hanno visto una crecita esponenziale.

Tra tutte Plug Power ha visto una crescita di oltre il 500%.

PortfolioCAGRStdevSharpe RatioSortino Ratio
FUELCELL ENERGY73.34% 375.49%1.044.36
PLUG PWR559.79% 113.58%2.1811.91
BLOOM ENERGY82.40% 132.06%1.012.22

Tutto ciò va a sottolineare il crescente interesse degli investitori verso questo tipo di asset.

Perchè investire sull’idrogeno

Potremmo sintetizzare i motivi di un crescente interesse verso l’idrogeno in 2 punti:

  1. Accordo di Parigi relativo all’impegno da parte dei vari stati a ridurre le emissioni di gas serra
  2. La riduzione dei costi di questa tecnologia
Perchè investire su idrogeno
Perchè investire su idrogeno

Le varie nazioni hanno capito che l’uso dell’idrogeno sarà fondamentale per poter rispettare gli obiettivi prefissati.

Ad oggi l’attenzione maggiore è rivolta verso l’elettrico. Basti pensare alle evoluzioni che si hanno avuto in questi anni sull’auto elettrica e alla crescita di azioni come Tesla.

Alcuni settori, tuttavia, sono poco adatti all’utilizzo delle batterie.

Applicazioni su idrogeno
Timeline applicazioni idrogeno

Concentriamoci sul settore automotive che è quello più vicino a noi.

Confrontiamo l’utilizzo delle fuell cell (tecnologia a idrogeno) rispetto alle batterie elettriche.

Idrogeno vs. elettrico: tecnologie a confronto

Andando ad analizzare i pro delle fuel cell (+) possiamo capire come questo tipologia di tecnologia meglio si adatta a veicoli che necessitano di effettuare lunghe percorrenze e necessitano di un breve tempo di rifornimento.

Non a caso le applicazioni dove si stanno concentrando i maggiori sforzi verso questo tipo di tecnologia sono i taxi, i treni e il grande trasporto su gomma.

Ad oggi, infatti, l’unica alternativa a questa tecnologia è ancora il diesel.

Idrogeno vs Low Carbon
Idrogeno vs Low Carbon

Costi dell’idrogeno

A tutto ciò si unisce il fattore costo delle produzione di idrogeno.

Costi che stanno via via andando a diminuire.

Alcuni numeri:

Il costo delle energie rinnovabili, necessarie per creare idrogeno pulito, ha visto una riduzione dell’80% nell’ultimo decennio. Trend che è previsto continuare in futuro.

La capacità di elettrolisi (processo necessario per la produzione di idrogeno) è accelerata: si pensa che nel 2030 si possa arrivare ad una capacità di 55 volte maggiore rispetto al 2015. Tutto ciò potrà tradursi in un analogo calo degli investimenti.

Principali aziende che stanno investendo nell’idrogeno

Oltre alle aziende presenti nell’ ETF su idrogeno esistono molte altre compagnie che a vario titolo stanno investendo nell’idrogeno.

Basti guardare tutte le aziende presenti nel Hydrogen Council Steering Group.

Aziende del Hydrogen Council Steering Group
Aziende del Hydrogen Council Steering Group

Investire in azione produttrici di idrogeno

Tra le principali aziende produttrici di Idrogeno troviamo

AziendaMarket cap.P/E Nazione
L’Air Liquide $75.32B26.1Francia
Air Products And Chemicals$61.68B30.4USA
Linde$132.41B53.3USA

A queste va aggiunto il sempre maggiore interesse da parte delle aziende del settore Oil & Gas verso questa tecnologia.

La percentuale di compagnie petrolifere e del gas che intendono investire nell’economia dell’idrogeno è raddoppiata dal 20% al 42% nel 2020, anno che ha visto il crollo del prezzo del petrolio indotto dal coronavirus.

Credo che questo sia un punto molto importante.

I paesi in cui è più conveniente produrre idrogeno sono gli stessi in cui si produce la maggior quantità di petrolio.

Dove conviene produrre H2
Dove conviene produrre idrogeno

Se la domanda di petrolio continuerà a calare l’interesse di questi paesi potrebbe essere quello di aiutare ad aumentare la richiesta di idrogeno.

Come?

Il problema dell’idrogeno, soprattutto legato al trasporto, sono le infrastrutture. Senza infrastrutture poche persone saranno realmente interessate ad acquistare un veicolo ad idrogeno.

Le aziende petrolifere potrebbero quindi incentivare l’introduzione di una rete capillare di distributori di idrogeno proprio come fatto con i distributori di benzina.

Come si è diffusa l’auto a benzina?

A questo proposito è interessante ricordare come si è diffusa l’auto alimentata a petrolio.

L’auto elettrica non è una novità. A cavallo tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento sembrava che le auto elettriche dovessero aver il sopravvento spinte da Edison e dalle sue invenzioni. Esistevano già 300 auto circolanti a New York.

Rockfeller, nel frattempo, aveva il monopolio per quanto riguarda il petrolio negli USA. Petrolio che veniva per lo più utilizzato per l’illuminazione cittadina.

L’avvento dell’elettricità e stava minando gli interessi di Rockfeller che si vedeva il suo impero svanire.

Rockfeller, quindi, decise di agire. Da una parte si accordò con Edison:

  • Rinunciò a fargli guerra sull’illuminazione pubblica
  • Ottenne in cambio che Edison rallentasse la distribuzione di batterie elettriche

Nel frattempo lo stesso Rockfeller finanziò Ford per la creazione di un’auto a combustione interna a basso costo.

Ma Rockefeller non si fermò qui: investì massicciamente per creare una rete di distributori di benzina. In questo modo poteva dare a spallata finale verso il motore a benzina ed avere un business per tutto il petrolio che aveva a disposizione.

Insomma la storia non si ripete ma spesso fa rima.

Mark Twain

Investire in aziende legate alle Fuel Cell

Le principali aziende legate alla tecnologia delle fuel cell sono accomunate dal non essere ancora profittevoli.

L’alta attenzione da parte degli investitori è, quindi, più legata all’aspettativa che a dei robusti fondamentali economici.

Per questo motivo occorre fare delle attente valutazioni prima di investire.

AziendaMarket cap.P/ENazione
Ballard Power Systems $10.43B-177.6Canada
Bloom Energy$6.40B-35.6USA
FuelCell Energy $5.82B-64USA
Plug Power$28.76B-190USA
PowerCell Sweden$2.75B-190Svezia

In conclusione

L’ETF su idrogeno risponde alle richieste da parte degli investitori verso tecnologie green sempre più di interesse comune.

Dal momento che questo ETF è recentissimo, la dimensione è ancora troppo piccola per poter fare valutazioni. Tuttavia potrebbe essere un investimento interessante per il prossimo futuro.

Le spinte verso poliche incentrate all’ambiente potrebbero accelerare, infatti, l’introduzione dell’idrogeno in settori come l’automotive.

L’idrogeno non dovrebbe essere visto come antagonista dell’elettrico ma come valida alternativa e come strumento fondamentale per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi. Nonostante le poco lusinghiere recensioni di Elon Musk che definisce le fuel cell:

  • Tecnologia incredibilmente stupida
  • Fool cell

Per chi, infine, fosse interessato ad investire in aziende o ETF sostenibili rimando a questo articolo sugli investimenti sostenibili

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento