Tempo di lettura: 4 minuti
0
(0)

Cosa sono gli ETF Short?

Un ETF Short è uno strumento che permette di ottenere profitto qualora il sottostante abbia una perdita.

Un investitore di un ETF Short dovrà quindi sperare che il paniere di titoli interessato dall’ETF subisca una perdita piuttosto che un guadagno.

Come funziona lo Short?

Lo short selling o vendita allo scoperto è un processo di vendita di strumenti non posseduti e successivo riacquisto.

Detta così può sembrare magia. In realtà è molto più semplice di quanto si pensi.

Gli step principali che si susseguono durante uno short selling sono i seguenti:

  1. Il venditore allo scoperto prende in prestito delle azioni dal broker
  2. Subito dopo il venditore allo scoperto vende le azioni nel mercato
  3. Dopo un determinato lasso di tempo lo short seller ricompra le azioni dal mercato
  4. Lo short seller restituisce al broker le azioni prestate
  5. Se in questo lasso di tempo le azioni hanno perso valore allora ci sarà un profitto
  6. Viceversa, si registrerà una perdita

Tutto ciò è stato ben raffigurato in un’infografica del Financial Times

ETF Short - Come funzionano
ETF Short – Come funzionano

Short Squeeze

Gamestop a fine Gennaio 2021 ha visto un’impennata del prezzo delle proprie azioni.

Tralasciando il discorso Reddit e wallstreetbets quello che ha creato l’impennata dei prezzi è stato un forte short squeeze.

Questo succede quando i trader, hedge fund in questo caso, prevedono o spingono per un crollo dei prezzi di una specifica azione.

Se, tuttavia, questa previsione risultasse errata e il prezzo dell’azione dovesse salire alcuni trader/hedge fund potrebbero subire pressioni psicologiche tali da portarli a prendere la decisione di vendere.

Vendere anche a un prezzo più alto, registrando così una perdita.

Tutto ciò alimenta un circolo vizioso che spinge i prezzi delle azioni ancora più in alto.

Questo è quello che è successo con Gamestop. In questo specifico caso, addirittura, c’era una posizione ribassista talmente forte da arrivare al 130% delle azioni esistenti.

Ma Gamestop è solo l’ultima azione che ha subito questo fenomeno.

Nel 2008 era successa una cosa analoga con Volkswagen ad esempio.

Short Squeeze VW
Short Squeeze VW

Problemi degli ETF short

Gli ETF Short fanno tutto ciò in modo automatico.

Va considerato, però, che tutte queste operazioni vengono riflesse nel costo dello strumento che risulterà, quindi, relativamente caro.

Questo tipo di strumento è altamente speculativo e va quindi utilizzato con cautela da persone esperte.

Esistono 4 problemi principali di questo strumento.

Il primo è legato alla valuta

Ci aspetteremo che questo tipo di strumento specchi esattamente quello che fa l’indice di riferimento.

Se S&P 500 registra un 1%, l’ETF Short su S&P 500 registra un -1%.

In realtà se l’indice è riferito in dollari mentre l’ETF in euro allora ci sarà un ulteriore fattore che entrerà nel calcolo totale del rendimento dato dal cambio dollaro/euro.

Il secondo problema è legato all’effetto compounding

Questo effetto va a penalizzare quest tipo di strumento soprattutto nel lungo termine. Per questo è sconsigliato uno short di lungo periodo.

Se fosse interessato ad approfondire l’effetto compouding puoi trovare maggiori info in quest’articolo sugli ETF a leva.

Il terzo problema è legato all’efficienza fiscale

Immaginiamo un investitore che investe su un ETF legato a S&P500.

Per coprirsi da un periodo di contrazione economica compra un ETF Short su S&P 500.

L’obiettivo quindi potrebbe essere quello di avere investito in 2 strumenti completamente speculari.

Se effettifavamente l’indice dovesse perdere il 10% del proprio valore avrò un ETF che potrebbe passare da un prezzo di 100 euro a 90 euro.

L’ETF Short dovrebbe quindi guadagnare il 10% passando da 100 euro a 110 euro.

La somma quindi dovrebbe fare zero. In realtà in tutto questo discorso stiamo dimenticando le tasse. Dovremmo infatti pagare il 26% sul profitto.

Nel lungo periodo i mercati crescono

Questo è un punto trattato spesso in questo blog.

Sul lungo periodo i mercati crescono sempre.

Un investimento che scommette su un crollo non è quindi adatta per i lunghi periodi.

Alcuni esempi di ETF Short

Ecco alcuni esempi di ETF Short.

  • Xtrackers ShortDAX Daily Swap UCITS ETF 1C – ISIN LU0292106241
    ETF a replica sintetica che shortan i 30 titoli azionari tedeschi più ampi e negoziati quotati sul mercato primario della borsa valori di Francoforte.
    TER 0.4% annuo
  • Lyxor Nasdaq 100 Daily (2x) Leveraged UCITS ETF – Acc -ISIN FR0010342592
    L’indice Nasdaq 100 Leverage (2x) replica su base giornaliera la performance a doppia leva dell’indice Nasdaq 100.
    TER 0.6% annuo

In conclusione

Vendere allo scoperto (short selling) significa guadagnare dai ribassi dei mercati.

Investire in ETF Short è cosa da investitori professionali.

Si tratta, infatti, di tipologie di investimento perlopiù speculative adatte ai brevi periodi.

Bisogna quindi essere attenti ed evitare da farsi prendere dalla FOMO (fear of missing out).

Penso agli investitori di Gamestop che hanno pensato di diventare ricchi in breve tempo seguendo la massa ma che sono rimaste con il cerino in mano.

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento