Tempo di lettura: 4 minuti
0
(0)

Cos’è il Fear & Greed index?

Spesso si sente parlare del Fear Greed index come indicatore di avidità o paura dei mercati.

Un valore di questo indice sopra i 60 indica un livello di greed (avarizia) dei mercati denotando possibili innalzamenti dei prezzi di alcune azioni al di sopra del loro reale valore.

Viceversa, valori minori di 40 indicano livelli di fear (paura) dei mercati con conseguente ribasso dei prezzi di alcune azioni al di sotto del loro reale valore.

Esempio di Fear Greed Index
Esempio di Fear Greed Index

L’ideale per un investitore, quindi, è quello di comprare quando il fear and greed index ha valori bassi e vendere in fasi di avarizia dei mercati.

Fear and Greed Index vs S&P 500
Esempio di Fear and Greed Index vs S&P 500

Ma come si calcola questo indice?

Questo indice è stato ideato dalla CNN. Gli analisti hanno cercato di riassumere in un unico numero 7 indicatori del sentiment del mercato.

Proviamo ad analizzarli.

Stock Price Momentum

E’ il confronto tra S&P 500 e la sua media mobile a 125 giorni.

La media mobile è uno strumento utilizzato in analisi tecnica per identificare, tra le altre cose, un trend rialzista o ribassista di un particolare titolo o strumento finanziaro.

Media Mobile
Media Mobile

Se l’indice S&P 500 si trova al di sopra della media mobile questo indica un sentimento di avidità da parte degli investitori. Gli acquisti, infatti, porteranno i prezzi delle azioni in alto.

La condizione opposta, invece, indica una paura da parte degli investitori con le vendite che spingono i prezzi delle azioni in basso.

Stock Price Strength

Numero di azioni che hanno raggiunto il massimo del prezzo rispetto alle ultime 52 settimane e numero di azioni che ha raggiunto il minimo prezzo nello stesso arco temporale.

Quante più il numero di azioni a massimo prezzo supera quelle a minimo prezzo, tanta più avidità è presente nel mercato.

Viceversa, quante più azioni raggiungono il minimo prezzo tanto più abbiamo un’indicazione di paura.

Stock Price Breadth

Il volume scambiato di azioni il cui prezzo è in aumento rispetto al volume scambiato di azioni il cui prezzo sta diminuendo.

Maggiore è il volume verso le azioni il cui prezzo sta salendo più è alto il livello di avidità del mercato.

Un volume maggiore verso aziende il cui prezzo è in diminuzione è indice di paura nei mercati.

Ratio of Put Options to Call Options

Numero di opzioni call acquistate rispetto al numero di opzioni put.

L’acquisto di un’opzione di tipo call mi permette di avere diritto, ma non l’obbligo, all’acquisto di un determinato strumento in futuro a un prezzo prefissato.

Questo permette, nel caso di rialzo dei prezzi, la possibilità di far valere la propria opzione ricavandone un guadagno.

Quindi, maggiori sono le opzioni call acquistate maggiore è il livello di avidità del mercato.

Le opzioni put, invece, danno il diritto, ma non l’obbligo, di vendere in futuro uno strumento a un determinato prezzo prefissato. Se dopo l’acquisto si venisse a creare un calo dei prezzi il possessore dell’opzione put potrebbe ricavarci un guadagno.

Un numero maggiore di opzioni call acquistate denota quindi una certa paura nei mercati.

Demand for Junk Bonds

Spread tra azione di rating “Junk”, i famosi titoli spazzatura, e rating “Investment”.

Rating Obbligazioni
Rating Obbligazioni

Se questo differenziale è basso vuol dire che gli investitori alla ricerca di rendimento sono disposti a comprare un titolo spazzatura ad un prezzo prossimo a quello di obbligazioni di rating migliore nonostante il rischio di default. Questo è un chiaro segno di avidità del mercato.

Viceversa, in una fase di incertezza gli investitori premono per l’acquisto di obbligazioni più sicure facendone innalzare i prezzi.

Market Volatility

La volatilità dei mercati misurata tramite l’indice VIX.

Se fossi interessato ad analizzare meglio questo indice puoi leggere l’articolo

https://guidaglinvestimenti.it/etf-vix-come-proteggersi-dalla-volatilita-durante-i-crolli/

La CNN money per determinare il rating all’interno della scala del fear and greed index utilizza la media mobile del VIX a 50 giorni.

L’alta volatilità indica alta incertezza e quindi una paura nei mercati.

La bassa volatilità, invece, indica che gli investitori conservano le loro posizioni denotando una certa fiducia del mercato. Quindi avarizia.

Demand for Safety

Rendimento delle azioni rispetto ai Treasury bonds USA.

Un mercato che riflette un rendimento dei Treasury bonds USA maggiore delle azioni indica che gli investitori si aspettano un crollo dei mercato. Infatti l’interesse verso strumenti come i bond serve come protezione.

Viceversa, se i bond hanno bassi rendimenti rispetto alle azioni questo significa che l’attenzione degli investitori si sta riportando verso l’azionario denotando una forte fiducia nei mercati.

In conclusione

Come detto svariate volte nessuno è in grado di prevedere l’andamento futuro dei mercati. Le varie strategie di market timing non hanno quasi mai portato a nulla di buono.

Un investitore amatoriale non dovrebbe pensare a una strategia di breve termine basata sull’ingresso e uscita dal mercato ma piuttosto a una strategia noiosa di lungo termine di buy and hold (compra e mantieni).

Tuttavia un simile strumento può aiutare per avere un’indicazione sul sentimento generale che viene poi riflesso nel mercato. Serve, cioè, ad avere un’idea generale della fase del mercato in cui siamo come indicazione generale.

Il fear and greed index può aiutare a prevenire movimenti errati dovuti dalla foga generale come l’acquisto di azioni tecnologiche durante la bolla del dotcom.

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento