Tempo di lettura: 4 minuti
0
(0)

Il nostro primo libro in self-publishing

Questa settimana l’articolo di crescita personale è egoisticamente dedicato a noi: abbiamo appena pubblicato il nostro primo libro e non vediamo l’ora di presentartelo!

Scriverlo è stato gran parte del lavoro, ma non tutto: vogliamo raccontarti l’evoluzione dall’idea alla pubblicazione in self publishing.

Guida agli Investimenti – da dove nasce il libro

Se ci segui nella newsletter (iscriviti a fine articolo se non lo sei già!) hai già avuto un’anticipazione sulla genesi di questo libro.

Qualche mese fa eravamo a cena con degli amici e il discorso è caduto su come stesse andando il blog e, di conseguenza, sul tema finanza personale e gestione dei risparmi.

Una nostra amica ci ha fatto una interessante ammissione: sebbene volesse iniziare a capirne di più e provasse a leggere gli articoli del nostro blog, faceva fatica a seguirli.

Aveva iniziato a leggere la il nostro Manuale dell’investitore e gli articoli al suo interno, ma leggendo di sera lasciava magari un articolo a metà, dimenticando il giorno dopo dove fosse arrivata.

Le sarebbe piaciuto qualcosa di più agevole, immediato, che potesse interrompere e riprendere senza difficoltà.

Da qui Francesco ha avuto il lampo di genio: perchè non scrivere un libro?

Così di scrivere Guida agli Investimenti – Come capire le basi della finanza da zero. Tempo qualche mese, e il libro era pronto e pubblicato su Amazon!

guida agli investimenti in self publishing di guidaglinvestimenti
Il nostro primo libro in self publishing!

Ma quali sono stati i passi per realizzarlo?

Da zero al libro:i passi che abbiamo fatto

Scrivere un libro è tutto fuorchè una bazzecola e nonostante questo, credetemi, sarà più complicato di quanto uno inizialmente immagini.

Quando abbiamo deciso di iniziare a buttar giù una base il primo dubbio è stato: come lo strutturiamo? Come decidere quali argomenti privilegiare senza farci cogliere dai nostri bias?

1 – Gli argomenti

Quando vuoi parlare di un argomento ad un pubblico che non lo conosce sappiamo quanto sia fondamentale non farsi cogliere dal curse of knowledge: ovvero dare per scontati e tralasciare argomenti basilari e importanti, soffermandosi su dettagli che, per quanto di rilievo, non sono di primo interesse per chi si approccia per la prima volta a quell’argomento.

Abbiamo scelto di non partire a mille con gli investimenti, ma di iniziare a evidenziare alcuni aspetti della nostra vita di cui ci curiamo poco ma che possono avere un impatto importante sui nostri futuri risparmi: il TFR in primis, come anche gli investimenti per i figli.
Avete presente i soldi che mettete da parte a nascite, battesimi e primi compleanni? Beh investendoli, anzichè lasciarli su un libretto postale, potreste fare un bel regalo di 18 anni per i vostri figli.

Solo dopo aver capito l’impatto degli investimenti sulla nostra vita inizieremo a vedere come avvicinarci a questo mondo e quali sono gli strumenti che un piccolo investitore ha a disposizione per iniziare a gestire i suoi risparmi con consapevolezza. Il che non sinifica diventare ricco dopdomani, ma porre le basi per avere una maggior tranquillità finanziaria in futuro.

2 – l’editing e il copy

Fatta la scaletta, il passo successvo è stato iniziare a scrivere. E poi leggere, e riscrivere. E poi rileggere, e riscrivere ancora. Non solo per cercare di mettere a posto tuti gli errori grammaticali (e qualora ne trovassi, aiutaci segnalandoceli!) ma cercando di scrivere in maniera chiara, semplice ma anche precisa.

Speriamo di esserci in minima parte riusciti, ben sapendo che il copy è un vero e proprio lavoro: anche qui, a te lettore la sentenza!

3 – Il self publishing

Per mantenere la filosofia con cui è nato il blog, ovvero fare e affrontare in autonomia tutti gli eventi, anche in questo caso abbiamo scelto la strada dell’indipendenza: questo ha portato alla strada del self publishing.

Il self publishing come concetto ci era noto anche grazie all’intervista che avevamo fatto ad Anna Premoli, l’economista diventata la superstar dei libri di commedie rosa italiani. Non avevamo però idea del livello di complessità che potesse avere.

In questo il sistema di self publishing di Amazon ci è stato estremamente d’aiuto: si chiama KDP – Kindle direct publishing e consente,di pubblicare un libro cartaceo o e-book con estrema facilità.

Tutto ciò di cui si ha bisogno è un manoscritto o una copertina: in questo caso mi sono divertita a realizzarla con il semplice ma fedele Canva, ma per chi non fosse pratico di grafica KDP mette a disposizione anche delle grafiche molto semplici.

Potrai poi scegliere il tipo di pubblicazione (cartace, ebook o entrambi), il tipo di carta, i colori: insomma, nell’arco di mezz’ora il vostro capolavoro è pubblicato!

E se scovassimo qualche errore da correggere nel manoscritto?

Nessuna paura: KDP permette di aggiornare il testo (la nuova versione sarà pronta in massimo 72 ore) così come le copertine, a meno che non si tratti di cambi ed estensioni sostanziali: in questo caso KDP proporrà di fare una seconda edizione.

In conclusione: facci sapere se ti è piaciuto

Speriamo di aver realizzato una Guida agli Investimenti che possa davvero concretamente aiutare a capire i consetti base di finanza personale e avvicinarti a questo mondo.

Facci sapere cosa ne pensi e, se ti sodddisferà, lasciaci una recensione su Amazon!

Buona lettura!

Francesco e Marta

Il nostro primo libro in self publishing: Guida agli Investimenti!

Quanto ti è piaciuto il post?

Marta Cavaliere

Ingegnere fuori e inseguitrice di farfalle dentro, appassionata di crescita personale, fotografia e viaggi. Credo nell'importanza di conoscere la finanza personale per diventare responsabili del nostro futuro, e nel miglioramento continuo sia personale che professionale. Instancabile procrastinatrice, mi occupo delle sezioni Crescita e Risparmio del blog guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento