Tempo di lettura: 5 minuti
5
(2)

Quali sono le azioni all’interno del portafoglio di Warren Buffett?

Il portafoglio di Warren Buffett è caratterizato da aziende stabili che storicamente sono state sottovalutate dal mercato.

La maggior parte di queste aziende fa parte del portafoglio di Warren Buffett ormai da diversi anni. Non a caso quando una nuova azienda entra a far parte dii questa elite fa sempre notizia.

A tal proposito, Buffett ogni trimestre deve per legge dichiarare tutte le sue movimentazioni: dall’acquisto alla vendita di ogni singola azione. Molti approfittano di questi eventi per dare un’occhiata alle sue nuove mosse e per copiare.

Molte analisi hanno, infatti, dimostrato che copiando il portafoglio di Warren Buffett avremmo potuto comunque battere il mercato.

Il comunque è dovuto al fatto che la nostra operatività avrebbe un certo ritardo, i costi che dovremmo affrontare sarebbero maggiori e difficilmente potremmo acquistare ogni singola azione.

In tutto ciò è bene ricordare che stiamo parlando di un portafoglio che ha reso dal 1965 al 2020 un rendimento pari al 20% annuo composto. Circa il doppio di quanto ha reso un investmento in S&P500.

Le azioni di Warren Buffett

Ma quali sono le principali aziende in cui investe Warren Buffett?

Proviamo a vedere la lista delle top 10 relativa al secondo trimestre del 2021.

AzionePeso %
APPLE INC41.46%
BANK AMER CORP14.21%
AMERICAN EXPRESS CO8.55%
COCA COLA CO7.39%
KRAFT HEINZ CO4.53%
MOODYS CORP3.05%
VERIZON COMMUNICATIONS INC3.04%
US BANCORP DEL2.51%
DAVITA INC1.48%
CHARTER COMMUNICATIONS INC N1.28%

Quello che notiamo è Apple la fa da padrone con quasi il 40% del portafoglio totale. Questo rende il portafoglio di Warren Buffett molto esposto al settore dell’Information Technology.

E’, inoltre, interessante come il settore legato alle attività finanziare rimane uno zoccolo duro del portafoglio di Warren Buffett con circa il 30% del peso.

SettorePeso%
Information Technology42.46
Financials30.66
Consumer Staples12.75
Services4.13
Health Care3.29
Communication Services3.04

Rispetto al precedente trimestre possiamo notare come Buffett abbia ridotto notevolmente la sua esposizione in un settore chiave nell’epoca del Covid: l’healthcare.

Notiamo, infatti, come l’oracolo di Omaha abbia chiuso le sue posizioni in aziende come Biogen o ceduto parte delle azioni di aziende del calibro di ABBVIE. Stiamo comunque parlando di piccole percentuali che poco impatto hanno sul portafoglio.

Azionedelta numero di azioni %Impatto sul portafoglio %
MERCK & CO. INC-49%0.23%
AXALTA COATING SYS LTD-100%0.15%
GENERAL MTRS CO-10%0.14%
BRISTOL-MYERS SQUIBB CO-15%0.11%
ABBVIE INC-10%0.09%
BIOGEN INC-100%0.07%
LIBERTY GLOBAL PLC-82%0.06%
MARSH & MCLENNAN COS INC-21%0.05%
LIBERTY GLOBAL INC-100%0.03%
US BANCORP DEL-1%0.02%
CHEVRON CORP NEW-2%0.02%

Poco impatto hanno anche le nuove posizioni all’interno del portafoglio di Warren Buffett con un’unica new entry, l’azienda farmaceutica ORGANON & CO.

Azione delta numero di azioni % Impatto sul portafoglio %
KROGER CO0.21%0.14%
RH0.02%0.01%
AON PLC0.07%0.02%
ORGANON & COPosizione Nuova0.02%

Andiamo a questo punto a vedere quali sono alcune delle principali aziende che fanno parte di questo portafoglio.

Coca Cola

Anche se il peso ormai è relativamente ridotto rispetto ad altre aziende, Coca Cola rimane un simbolo per quanto riguarda gli investimenti per Warren Buffett.

La Berkshire ha, infatti, acquistato per la prima volta azioni di Coca Cola dal 1988 al 1989.

Siamo in un periodo storico particolare, gli investitori avevano i segni lasciati dal crollo del Black Monday nell’ottobre 1987. Questo faceva vedere non con qualche dubbio un investimento così ingente.

Buffett difese la posizione nella lettera annuale del Berkshire del 1988 agli azionisti con quello che sarebbe diventato uno dei suoi aforismi più famosi:

“Nel 1988 abbiamo effettuato importanti acquisti di Federal Home Loan Mortgage … e Coca Cola. Prevediamo di detenere questi titoli per molto tempo. Infatti, quando possediamo porzioni di attività in essere con gestioni eccezionali, il nostro periodo di detenzione preferito è per sempre “.

Da allora Berkshire ha più che quadruplicato la posizione a 100 milioni di azioni nel 1994 e fino ad oggi non ne ha vendute.

Alla fine del 2020, l’investimento valeva 21.5 miliardi di dollari, un rendimento del 1550%, dividendi esclusi.

American Express

American Express fa parte del portafoglio di Warren Buffett dal 1993.

Come abbiamo visto, il settore finanziario ha una parte fondamentale in questo portafoglio e American Express è di sicuro uno dei capisaldi.

American Express non solo riscuote le commissioni elaborando i pagamenti per i commercianti, ma elargisce anche prestiti a privati e aziende. In questo modo riesce a trarre profitto non solo dalle commissini ma anche dagli interessi dei prestiti che elargisce.

Bank of America

Warren Buffett possedeva azioni di alcune delle principali banche americane: JP Morgan Chase, Wells Fargo e Goldman Sachs. Recentemente, però, ha deciso di venduto azioni di 9 diverse banche preferendo a queste Bank of America.

Buffett ha iniziato a investire in Bank of America nel 2011, acquistando $ 5 miliardi di azioni privilegiate più warrant per acquistare 700 milioni di azioni ordinarie, in un momento in cui molti investitori erano preoccupati per le esigenze di capitale della banca.

Berkshire ha esercitato i warrant nel 2017 e ha venduto azioni privilegiate per coprire il costo.

Perchè tutto ciò?

Ci sono parecchi motivi che potrebbero spiegare la sua decisione. Alcuni dei principali potrebbero essere la sua ammirazione per il CEO Brian Moynihan. Sappiamo infatti che uno dei principali punti che un’azione deve soddisfare per entrare nel portafoglio di Warren Buffett è di avere un management all’altezza.

Inoltre, come ci fa notare un articolo di The Motley Fool, Bank of America era un titolo bancario relativamente economico rispetto alla sua redditività. Il titolo veniva scambiato ad appena 1.09 volte il valore contabile. Per riferimento, JPMorgan Chase scambiava per un multiplo P/B di 1.65.

Cash

Passiamo, infine, a un asset che è sempre più presente all’interno del portafglio di Warren Buffett: il cash.

Secondo l’ultima pubblicazione della Berkshire Hathaway, il portafoglio di Warren Buffett detiene una posizione in cash pari a 140.7 miliardi di dollari: 39 miliardi in cash e il resto il buoni del tesoro. Questa quota è salita del 4.2% negli ultimi 6 mesi ed è in constante crescita negli ultimi anni.

Cash nel portafoglio di Warren Buffett
Cash nel portafoglio di Warren Buffett

Per avere un riferimento, la posizione totale in azioni all’interno del portafoglio di Warren Buffett è pari a circa 308 miliardi di dollari.

Questo può significare che l’oracolo di Omaha trova molte delle azioni presenti sul mercato sopravvalutate ed è ancora alla ricerca dell’affare.

Va detto che trovare un’affare per un’azienda grande come la Berkshire non è la stessa cosa che per un piccolo investitore: ci sono qualche zero di differenza tra una movimentazione e l’altra.

In conclusione

Nel secondo trimestre del 2021 non ci sono state grosse movimentazioni all’interno del portafoglio di Warren Buffett.

Ovviamente quando parliamo di grosse movimentazioni lo facciamo in riferimento alle altre partecipazioni.

La principale azienda rimane Apple con oltre il 40% del peso totale, mentre tra le top5 troviamo alcune delle storiche aziende che hanno fatto la storia degli investimenti della Berkshire.

Rimane interessante notare come uno degli asset principali su cui sta “puntando” Buffett è la liquidità. La sua posizione continua a crescere in attesa di eventi futuri.

Dai uno sguardo anche al portafoglio di Ray Dalio e Bridgewater nel 2021:

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento