Tempo di lettura: 4 minuti
0
(0)

Il miglior ETF sul lusso per gli investitori italiani

Esistono degli ETF Lusso in cui possiamo investire?

Partiamo con il dire che il settore del lusso nei primi anni del decennio scorso (dal 2010 per intenderci) ha visto una rapida crescita. Crescita dovuta soprattutto alla maggiore capacità di spesa del popolo cinese.

Non è un caso che la Cina conta quasi un terzo della spesa in beni di lusso ed era responsabile (dati del 2019) di oltre il 70% della crescita del settore.

Andamento settore lusso - Fonte Vogue Business
Andamento settore lusso – Fonte Vogue Business

Molti diranno, la Cina ora sta rallentando quindi questo settore è destinato al declino.

Forse si, forse no.

Edouard Aubin, capo del Luxury Goods research in Morgan Stanley Research, prevede un nuovo tipo di clientela:

“una popolazione in forte espansione di giovani consumatori benestanti, molti dei quali sono figli unici di genitori che sono l’unico figlio e hanno due coppie di nonni che aiutano a finanziare i loro stili di vita”

Edouard Aubin

e continua:

“I millennial statunitensi e la Generazione Z potrebbero anche guidare la domanda aggiuntiva di lusso, una tendenza che viene amplificata dalle donne che rimangono single più a lungo”

però, continua Aubin,

“L’unico avvertimento a questa tesi è il debito dei consumatori. Sebbene sia difficile sapere esattamente quanto debito stanno assumendo i consumatori cinesi, è un fattore di rischio da seguire”

Fatta questa premessa, proviamo a vedere l’unico ETF Lusso disponibile per gli investitori italiani.

AMUNDI S&P GLOBAL LUXURY UCITS ETF – EUR

L’ETF Lusso AMUNDI S&P GLOBAL LUXURY UCITS ETF – EUR ha come sottostante l’indice S&P Global Luxury che replica il settore del lusso di tutto il mondo:

  • ISIN LU1681048630
  • Costo di gestione 0.25% annuo
  • Replica Sintetica e ad Accumulazione

Questo è l’unico ETF disponibile legato unicamente al lusso con solo 2 settori al suo interno:

  • Consumer Discretionary 82.5%
  • Consumer Staples 17.5%

L’esposizione geografica è molto legata all’Europa, come ce lo potevamo aspettare pensando a colossi come LVMH e Kering. Infatti, solo il 38.5% delle azioni è legato agli USA mentre Francia (23.7%), Germania (10.2%) e Regno Unito (6.5%) sono le altre nazioni principali.

E l’Italia?

Questo ETF Lusso ha al suo interno solo il 5.2% di azioni italiane.

Forse ci sorprenderà il ruolo della Germania in questo ETF Lusso. Tuttavia il lusso non è solo moda ma anche altri settori come auto (Daimler) e Food&Beverage ( Pernord Riacard, Diageo).

AziendaPesoPaeseSettore
LVMH MOET HENNESSY 8.70%FRANCIAConsumer Discretionary
TESLA INC 7.51%USAConsumer Discretionary
KERING 6.95%FRANCIA Consumer Discretionary
RICHEMONT CIE FIN-R 6.49%SVIZZERAConsumer Discretionary
DAIMLER AG 6.37%GERMANIAConsumer Discretionary
ESTEE LAUDER (A) 5.29%USA Consumer Staples
HERMES INTERNATIONAL 4.97%FRANCIAConsumer Discretionary
PERNOD RICARD 3.69%FRANCIA Consumer Staples
NIKE INC -CL 3.52%USA Consumer Discretionary
DIAGEO 3.48%REGNO UNITOConsumer Staples

Quanto ha reso questo ETF negli ultimi anni?

Negli ultimi 10 anni questo ETF Lusso ha reso più di un indice globlale come MSCI World, rispettivamente il rendimento globale è stato del 259% vs 171%.

Rendimento ETF lusso dal 2011 al 2020
Rendimento ETF lusso dal 2011 al 2020

Proviamo a dare alcuni dati che possano aiutare a capire che tipo di investimento è:

  • Volatilità a 3 anni dell’ETF lusso è stata del 25.1% rispetto al 18.2% di MSCI World
  • A 5 anni la volatilità dell’ETF lusso scende al 21.2% mentre MSCI World va al 14.6%
  • Stiamo parlando quindi di un ETF da un rendimento più alto di MSCI World ma anche da una volatilità maggiore
  • L’indice di Sharpe (che è il rapporto tra rendimento e volatilità) degli ultimi 5 anni risulta quindi essere maggiore per MSCI World (0.97) rispetto a quello dell’ETF lusso (0.89)

L’azione principale di questo ETF: Investire in LVMH

L’azione con il peso principale all’interno di questo ETF lusso è LVMH MOET HENNESSY.

Ho trovato quindi interessante provare ad analizzare quanto ha reso quest’azione negli ultimi anni insieme insieme a Kering (l’azienda che controlla tra le altre Gucci).

Rendimento LVMH MOET HENNESSY
Rendimento LVMH MOET HENNESSY

LVMH in dal 2012 a metà del 2021 ha reso più di S&P 500 così come Kering. Rendimento che ha avuto un’accelerata nel 2017 quando LVMH Moet Hennessy ha registrato il 58% circa e Kering il 115% circa.

Tutto ciò a discapito della volatilità:

  • LVMH Moet Hennessy ha avuto il 63% dei mesi analizzati in positivo e durante il crollo del Covid ha registrato il -20%
  • Kering ha avuto il 58% dei mesi analizzati in positivo e durante il crollo del Covid ha registrato il -22%
  • SPDR S&P 500 ETF Trust, infine, ha avuto il 74% dei mesi analizzati in positivo e durante il crollo del Covid ha registrato il -19%
PortfolioInitial BalanceFinal BalanceCAGRStdevBest YearWorst YearMax. DrawdownSharpe RatioSortino Ratio
LVMH Moet Hennessy10000 euro70482 euro22.39% 22.40%60.28%-0.46%-19.90% 0.991.82
SPDR S&P 500 ETF Trust10000 euro43314 euro16.37% 12.93%32.31%-4.56%-19.43% 1.191.96
Kering10000 euro74096 euro23.02% 25.84%114.38%-7.93%-25.76% 0.911.67

In conclusione

Il settore del lusso è stato molto legato negli ultimi anni alla crescita della Cina, paese che negli ultimi anni ha subito un rallentamento.

Tuttavia la nuova condizione demografica che si sta delineando potrebbe portare alla creazione di una nuova tipologia di clientela.

Per chi volesse investire in ETF lusso l’unico strumento legato esclusivamente a questo settore è il AMUNDI S&P GLOBAL LUXURY UCITS ETF – EUR.

Questo ETF negli ultimi anni ha avuto un rendimento maggiore di un indice globale come MSCI World anche se accompagnato da una maggiore volatilità.

Altri investimenti interessanti (sempre in un portafoglio bilanciato)? Quello sul vino pregiato e l’ETF Food and Beverage:

investire in vino guidaglinvestimenti.it

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento