Tempo di lettura: 4 minuti
0
(0)

Present bias: perchè preferiamo l’uovo alla gallina

Meglio un uovo oggi o una gallina domani? La madre di tutte le questioni. Preferire un piccolo beneficio oggi o aspettare domani per uno più grande?

A questa domanda non c’è una risposta giusta, sbagliata o universale.

Chiaramente dipende anche dall’entità del beneficio odierno rispetto a quello che avremmo nel futuro.

Nell’articolo di oggi però non parleremo di quale sia l’opzione migliore, ma piuttosto della nostra propensione innata a scegliere l’uovo oggi, a prescindere dalla reale convenienza.

Meglio l’uovo oggi perchè ci piace la gratificazione a breve termine

Sebbene ci illudiamo di essere esseri razionali e di essere padroni delle nostre scelte, quando ci poniamo davanti a quesiti come quello uovo-gallina traslati nella vita di tutti i giorni, falliamo miseramente.

Alcuni esempi: perchè non andiamo con constanza in palestra nonostante l’abbonamento annuale?
O non riusciamo a seguire una dieta in maniera per più di un mese?
O ci riduciamo a studiare una settimana prima dell’esame?
O, peggio, non ci curiamo fin da giovani dei nostri investimenti per il futuro?

Semplice: perchè nonostante in teoria sappiamo cosa sia giusto fare – mangiare sano, andare in palestra come previsto e studiare un capitolo al giorno anzichè 10 – la pratica ci frega.
E ci frega per un semplice motivo: il fatto che vedremo i risultati del nostro lavoro solo sul lungo termine.

Il non avere una gratificazione immediata ci fa spesso rinunciare ai nostri migliori propositi. I muscoli non ci compariranno in un mese, ne’ la nostra pancetta scomparirà: per quanto sappiamo quello che sarebbe opportuno fare, non vedere un immediato riscontro ci fa fallire nella maggiorparte dei casi.

Come sai se segui il nostro blog, questo accade perchè siamo esseri estremamente influenzabili, sopratutto da una cosa: i bias cognitivi.

I bias sono dei pregiudizi che abbiamo, derivanti dalla nostra educazione, cultura ed esperienze, che influenzano i nostri comportamenti in ogni maniera della giornata.

Vuoi averne qualche esempio? Oltre che sul nostro blog in questa pagina, trovi il racconto di una intera giornata inflluenzata dai bias sul nostro libro “Bias a Colazione” che puoi acquistare su Amazon!

Ma qual è il bias che ci rende impulsivi e così poco costanti? Si tratta del present bias.

Cos’è il present bias

Il present bias è la tendenza ad accontentarsi di una piccola ricompensa oggi piuttosto che attendere un bene maggiore domani.

Questo è dovuto al fatto, come abbiamo già appurato, che siamo tendenzialmente impulsivi e inconsciamente preferiemo una piccola ricompensa oggi piuttosto che lavorare per una più grande nel futuro senza vederne i risultati.
Riflettendoci è comprensibile: che si tratti di una dieta o un investimento, non vederne i risultati subito scoraggia perchè non abbiamo la certezza che, sul lugo termine, questi risultati ci saranno.

Io e Francesco d’altronde lo sappiamo bene: curiamo questo blog da un paio d’anni e si, vediamo che i lettori aumentano (grazie!) ma da qui al diventare un blog di rilievo nazionale…ce ne è di strada da fare. Sarebbe semplice mollare domani, e a volte noi stessi ci chiediamo se facciamo bene a continuare o se ci stiamo solo facendo influenzare dal sunk cost bias.

Per fortuna che nel nostro caso abbiamo l’opportunità di condividere le nostre passioni con i lettori, e questo ci da una gratificazione continua!

Come reagire al present bias?

Esiste un modo per reagire al present bias?

Certo che si, e un metodo molto efficace lo suggerisce Katy Milkman nel suo libro “How to change” che sto leggendo proprio in questi giorni.

Si tratta di un metodo che Mary Poppins conosceva bene, tanto da renderlo un motivetto diventato indimenticabile nelle nostre menti: ti dice niente “basta un poco di zucchero e la pillola va giù?

Collegare i compiti a lungo termine con gratificazioni a breve

Un metodo furbo per auto-ingannarci è quello di collegare i compiti di lungo termine alle gratificazioni dei breve termine.

Un esempio?

Guardare una puntata della nostra serie preferita solo dopo aver fatto palestra. Ancor meglio sarebbe far coincidere le due cose: certo, guardare un film mentre alziamo un bilanciere potrebbe essere pericoloso, ma se si trattasse di un audiolibro la cosa sarebbe decisamente più fattibile.

Questo trucchetto potremmo attuarlo a molti aspetti della giornata, e ad alcuni inconsciamente lo facciamo già: quando ci concediamo un caffè solo dopo aver finito di scrivere e inviare una mail, oppure un pezzo di cioccolata dopo aver fatto i nostri allenamenti.

Attuare queste piccole gratificazioni non è immediato, ma iniziando ad instaurarle ci creerà una maggior gratificazione rendendo il nostro compito un po’ più semplice e, a forza di ripeterlo, facilita il farlo diventare una buona abitudine.

Funzionerà? Beh, per me e la scrittura degli articoli funziona. In tutti gli altri casi, sicuramente meglio di non provarci affatto!

Ti interessa leggere due libri interessanti o imparare a scriverne uno? Ecco due utili suggerimenti!

libro guida agli investimenti

Quanto ti è piaciuto il post?

Marta Cavaliere

Ingegnere fuori e inseguitrice di farfalle dentro, appassionata di crescita personale, fotografia e viaggi. Credo nell'importanza di conoscere la finanza personale per diventare responsabili del nostro futuro, e nel miglioramento continuo sia personale che professionale. Instancabile procrastinatrice, mi occupo delle sezioni Crescita e Risparmio del blog guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento