Tempo di lettura: 5 minuti
5
(1)

Migliorare i rendimenti aumentando i risparmi

Spesso, io per primo, cerchiamo di migliorare i rendimenti dei nostri investimenti cercando quell’asset che ci consente una rapida crescita del capitale.

Cerchiamo la nuova Tesla, la nuova Amazon, la nuova scommessa che da lì a poco faccia il botto.

Tutto ciò, però, è molto rischioso. Per ogni Amazon, c’è una nuova startup che fallisce e il rischio di perdere soldi è molto alto.

Andare sempre alla ricerca di nuovi asset che ci permettano di aumentare i rendimenti comporta quindi non solo un dispendio di tempo non banale ma anche un rischio che magari non avevamo messo in conto. Ci riteniamo così confidenti in noi stessi che pensiamo di poter fare sempre la scelta giusta.

Talvolta si finisce per scommettere piuttosto che investire.

Ma piuttosto di cercare di migliorare i rendimenti provando a cercare il miglior mercato o la migliore azione provassimo ad aumentare i nostri risparmi?

Se provassimo, cioè, invece di cercare l’ETF che ci permetta di guadagnare l’1% in più provassimo ad aumentare i nostri risparmi dell’1%?

Risparmi che, ovviamente, andranno investiti.

Aumentare i risparmi

Noi siamo padroni di noi stessi, possiamo controllare i nostri guadagni e le nostre spese e capire quanto siamo in grado di risparmiare.

Potremmo, in linea generale, anche fare un piano di risparmio che ci permetta di aumentare ogni anno il nostro capitale risparmiato che possiamo così dedicare agli investimenti.

Ma cosa fa crescere di più il mio capitale? Un investimento che mi renda l’1% a pari rendimento o aumentare i miei risparmi dell’1% a pari rendimento del mio investimento?

Uno studio di Vanguard prova a rispondere a questo quesito.

Prendiamo un investitore che ha un obiettivo di 500 mila dollari (in dollari odierni aggiustato per l’inflazione), e che investe subito 10000 dollari per iniziare.

Mettiamo che questo investitore contribuisce con ulteriori 5 mila dollari ogni anno (senza adeguare l’inflazione). Insomma un PAC di 5 mila dollari l’anno con un capitale iniziale di 10 mila dollari. L’esempio mostra tassi di rendimento di mercato variabili.

Nel grafico in basso possiamo vedere 3 tipologie di strategie che questo investitore può adottare per velocizzare il suo obiettivo di 500 mila dollari:

  1. In arancione con linea continua una strategia di base con un rendimento del 8% annuo
  2. In linea arancione con linea tratteggiata il rendimento scende al 4%
  3. In linea grigia continua la strategia dell’investitore è quella di risparmiare il 5% annuo in più con un rendimento dell’8%
  4. In linea grigia tratteggiata la strategia dell’investitore è quella di risparmiare il 5% annuo in più con un rendimento del 4%
  5. In linea rossa continua la strategia dell’investitore è quella di risparmiare il 10% annuo in più con un rendimento dell’8%
  6. In linea rossa tratteggiata la strategia dell’investitore è quella di risparmiare il 10% annuo in più con un rendimento del 4%
Migliorare i rendimenti con i risparmi
Migliorare i rendimenti con i risparmi

Cosa impariamo?

Semplicemente aumentare il contributo del 5% ogni anno o del 10% all’anno in modo significativo riduce il tempo necessario per raggiungere l’obiettivo di 500 mila dollari.

Cosa significa?

Che nel caso dell’aumento del contributo del 5% il secondo anno investirò non più 5000 dollari ma 5250 dollari, il terzo 5512 dollari e così via.

Guardando più attentamente il grafico impariamo una cosa importante: ottenere un rendimento dell’8% e aumentare i risparmi del 5% all’anno produce quasi lo stesso risultato di ottenere un rendimento del 4% aumentando il risparmio del 10% all’anno. 

In termini reali, la grande differenza tra quei due scenari è rischio: un investitore che persegue un rendimento a lungo termine dell’8% sarebbe molto probabilmente costretto ad assumersi un rischio di mercato molto maggiore di chi cerca il 4%.

Risparmiare vs Investire

Se non fosse chiaro come migliorare i rendimenti andando ad aumentare il tasso di risparmio proviamo a farci aiutare da una tabella creata da Charlie Bilello, direttore della ricerca presso Pension Partners LLC.

Bilello ha effettuato alcune simulazione per mostrare cosa accadrebbe alla tua ricchezza se aumentassi il tasso di risparmio dell’1% e di conseguenza cosa accadrebbe se il rendimento di un portafoglio aumentasse dell’1%.

Per fare queste simulazioni Bilello ha analizzato il caso del un reddito familiare medio negli Stati Uniti di 58 mila dollari, che al netto delle tasse permette una spesa di 49300 dollari.

Cosa dicono le simulazioni?

Risparmiare solo l’1% di questo reddito ogni anno per 30 anni con un rendimento del 10% porterà a un accumulo di 81096 dollari.

Cifra che è inferiore a quella che otterrei con un risparmio che aumenta con un tasso del 5.5% annuo e un investimento che genera un rendimento pari all’1%. Strategia che mi garantirebbe un capitale di 94319 dollari dopo 30 anni.

Tabella Risparmi vs Performance
Tabella Risparmi vs Performance

In conclusione

Aumentare la percentuale di risparmio potrebbe permetterci di migliorare i rendimenti del nostro capitale. Molto meglio che cercare un investimento con migliori performance.

Aumentare il risparmio e mantenere fissa la strategia di investimento, intesa come asset allocation del proprio portafoglio, permette di evitare di cadere in alcune trappole psicologiche.

Potremmo, infatti, farci ingolosire dai possibili facili guadagni e iniziare a fare scommesse. Potremmo pensare di essere capaci di fare market timing e, quindi, di vendere e comprare per evitare crolli.

I più grandi nemici dei nostri investimenti siamo noi stessi e i nostri bias.

Noi possiamo essere padroni dei nostri risparmi o, almeno, possiamo controllarli molto di più che il mercato finanziario.

Hai la sicurezza di star facendo tutto il possibile per ridurre le tue spese? Se non ce l’hai, questo articolo ti aiuta a fare un rapido check di tutti gli aspetti in cui puoi risparmiare!

infografica risparmiare bisognaa limare le spese prima di investire
risparmiare sulla spesa

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento