Tempo di lettura: 5 minuti
0
(0)

I migliori asset per ogni mese dell’anno

Fermo restando che non esiste un miglior momento per comprare proviamo ad analizzare quali sono stati storicamente i migliori asset per rendimento mese per mese.

Proviamo, cioè, ad analizzare la stagionalità di alcuni dei principali asset USA negli ultimi 25 anni. Come detto, questo non è un invito a investire in base al mese dell’anno ma può essere considerato un dato in più che possiamo usare per le nostre valutazioni.

Perchè questo?

E’ un pò il discorso del “Sell in May and go away“: se tutti seguissero qualche strategia di investimento specifica, come potrebbe essere quella di seguire un’eventuale stagionalità degli asset, ecco che la nostra strategia non funzionerebbe più.

Fatta questa premessa proviamo ad analizzare quali sono stati i migliori asset degli ultimi 25 anni mese per mese.

Il miglior mese per investire

Prima, però, proviamo a capire sulla base dei dati di Lazy Portfolio se esiste un mese in cui i vari asset hanno reso meglio.

In termini di rendimento possiamo vedere come i mesi di Agosto e Settembre non sono stati tra i migliori. Ad Agosto, in particolare, i rendimenti hanno avuto una variazione molto ampia tra i vari asset con picchi negativi anche del 2%.

I mercati emergenti, nello specifico, hanno restituito in media il -2% ad Agosto degli ultimi 25 anni. A Settembre, invece, il rendimento medio dei vari asset è stato dello 0.2% (rispetto allo 0.23% di Agosto). Questo fa si che questo mese è stato in media il peggiore ma con il peggiore asset che ha restituito in media il -0.57%: US Small Stock.

Dall’altra parte, i due mesi migliori sono stati Aprile con il +1.7% e Dicembre con il +1.64%.

Migliori mesi per investire - Rendimento
Migliori mesi per investire – Rendimento

Durante questi mesi nessuno degli asset considerati ha avuto un rendimento medio negativo.

L’Europa, in particolare, con il suo indice azionario FTSE Europe è stato uno dei migliori asset analizzati.

Proviamo ora ad unire il dato relativo al rendimento con quello relativo alla percentuale dei periodi positivi.

Proviamo cioè a capire quante volte tutti gli asset messi assieme hanno restituito rendimento positivo rispetto all’arco di tempo considerato.

Da questa analisi vediamo che Aprile e Dicembre rimangono i mesi migliori con una media di periodi positivi rispettivamente del 72% e del 71%.

Aprile, tuttavia, è il mese che ha registrato una minore variazione di questo dato, potremmo dire quindi che Aprile è stato il mese più “affidabile”.

Dall’altra parte Maggio, Giugno e Ottobre sono stati i mesi con una percentuale di periodi positivi più bassa. Per tutti questi mesi stiamo parlando del 60% di periodi positivi.

Uno degli indici che ha reso meno in questi mesi è MSCI EAFE, cioè l’indice relativo a 21 paesi sviluppati a eccezione di USA e Canada. Per capirci, i paesi con maggior peso all’interno di questo indice sono Giappone, Regno Unito e Francia.

 Migliori mesi per investire - Periodi Positivi
Migliori mesi per investire – Periodi Positivi

Unendo questi due parametri, quindi, potremmo dire che i migliori 2 mesi relativamente agli asset considerati sono stati proprio Aprile e Dicembre. I 2 peggiori, invece, sempre secondo questi 2 parametri potremmo identificarli in Giugno e Ottobre.

JanFebMarAprMayJunJulAugSepOctNovDec
Periodi Positivi63%61%61%72%60%60%67%63%61%60%67%71%
Rendimento0.630.500.651.700.520.420.930.230.200.360.971.64

I migliori asset per ogni mese

Andiamo ora più nello specifico.

Abbiamo provato a vedere quali sono stati i migliori mesi per ogni asset. Facciamo un passo avanti ora e proviamo a vedere quali sono stati i migliori asset per ogni mese. Nella tabella in basso potete vedere non solo il rendimento mese per mese ma anche la lista degli asset considerati.

Cosa notiamo?

Provando a fare una lista dei migliori asset mese per mese troviamo che:

  • Gennaio: l’oro è stato uno dei migliori asset così come le azioni a bassa capitalizzazione USA
  • Febbraio: anche in questo caso i 2 migliori asset sono stati oro e azioni a bassa capitalizzazione, ma queste ultime che hanno restituito un rendimento maggiore a differenza di Gennaio
  • Marzo: i REITs USA (immobiliare) e l’azionario legato al Pacifico (prevalentemente Giappone) sono stati i 2 migliori asset
  • Aprile con l’indice azionario europeo e quello EAFE
  • Maggio: su tutti il migliore asset di questo mese è stato quello legato alle azioni USA a bassa capitalizzazione
  • Giugno: l’unico asset con un rendimento medio oltre l’1% è stato quello obbligazionario USA a lunga scadenza
  • Luglio: REITs e indice azionario Europeo
  • Agosto è risultato parecchio indigesto per gli investitori dei mercati emergenti mentre le commodities hanno storicamente reso bene
  • Settembre: l’oro e le commodities sono stati i 2 migliori asset di questo mese
  • Ottobre: le aziende USA a grande capitalizzazione hanno avuto un rendimento medio dell’1.45%
  • Novembre: anche in questo caso le azioni USA a grande capitalizzazione hanno fatto la differenza con un rendimento medio che va oltre il 2%
  • Dicembre, infine, è il mese dei mercati emergenti con rendimenti medi che vanno oltre il 3% così come l’indice azionario europeo
Migliori asset mese per mese - Rendimento
Migliori asset mese per mese – Rendimento

Stesso discorso può essere fatto per l’altro dato preso in considerazione per valutare i migliori asset all’interno di questo articolo, cioè la percentuale di periodi positivi.

Non considerando il cash (rappresentato dalle obbligazioni a breve scadenza) possiamo vedere che le obbligazioni hanno registrato un dato migliore rispetto agli indici azionari. Questo ce lo possiamo aspettare: azioni = maggiori rendimenti, obbligazioni = minore volatilità in linea generale.

Tra le varie è interessante notare come a Maggio uno dei migliori asset per percentuale di periodi positivi è stato l’azionario legato alle aziende USA a bassa capitalizzazione. Un asset questo molto volatile rispetto ad altri.

Discorso simile potrebbe essere fatto per Novembre dove, anche in questo caso, un indice azionario legato alle azioni USA ad alta capitalizzazione ha avuto una percentuale di periodi positivi maggiore di altri asset obbligazionari.

Migliori asset mese per mese - Periodi Positivi
Migliori asset mese per mese – Periodi Positivi

In conclusione

Come detto ad inizio articolo, tutto questo non vuole essere un suggerimento ad aspettare un particolare mese per investire. Non vuole essere, cioè, un invito a fare alcuna strategia di market timing.

La letteratura ha spesso dimostrato come fare del market timing non ha pagato: le perdite maggiori che un investitore può subire sono quelle causate dall’aspettare e non investire.

Teniamolo bene in mente.

Ad ogni modo è interessante notare come, sulla base dei dati analizzati, ci sia una sostanziale differenza tra gli asset considerati per ogni mese dell’anno.

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche questo sullo split delle azioni:

split delle azioni cosa è

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento