Tempo di lettura: 5 minuti
3
(4)

Le differenze tra l’indice MSCI World e lo S&P 500

All’interno del vasto mondo azionario esistono 2 indici che godono di particolare attenzione da parte degli investitori: S&P 500 e MSCI World.

In particolare:

  • S&P 500, è un indice di borsa USA caratterizzato da 500 aziende americane ad alta capitalizzazione.
  • MSCI World, invece, replica i titoli azionari di 23 paesi sviluppati di tutto il mondo

Per avere conferma della diffusione di questi 2 indici si può andare a vedere JustETF e verificare che gli ETF azionari con maggiore dimensione sono proprio quelli legati all’azionariato globale e USA.

Principali ETF per dimensione
Principali ETF per dimensione

Dal 1987 al 2020 l’indice USA ha avuto un rendimento nettamente migliore di quello globale.

Rendimento MSCI World vs S&P500
Rendimento S&P 500 vs MSCI World Index

Ad ogni modo, la scelta tra i due indici è spesso dettata dalla riprova sociale piuttosto che da un attento studio. Dopotutto la letteratura finanziaria è invasa da esempi e analisi che prendono come riferimento l’indice relativo a Standard and Poor’s.

Proviamo però ad analizzare come si sono comportati storicamente per avere un’idea più chiara di cosa significhi investire in uno o nell’altro strumento.

Correlazione tra MSCI World e S&P 500

La maggior parte delle azioni all’interno dell’indice MSCI World sono Statunitensi.

Distribuzione geografica MSCI World
Distribuzione geografica MSCI World

Questo spiega in parte l’alta correlazione che si viene a creare tra i due indici.

Alta correlazione significa che i due indici hanno performance simili tra di loro.

Andando a visualizzare i rendimenti mensili dal 1987 al 2020 di un ETF MSCI World rispetto a uno relativo a S&P500 la correlazione è ancora più chiara.

Rendimenti mensili MSCI World vs S&P 500
Rendimenti mensili MSCI World vs S&P 500

I punti sulla bisettrice (linea rossa tratteggiata) indicano che i due indici hanno avuto stesso rendimento in un determinato mese.

Abbiamo poi che:

  • Se i punti sono al di sopra della bisettrice allora MSCI World ha avuto un rendimento maggiore
  • Se i punti sono al di sotto della bisettrice allora S&P 500 ha avuto un rendimento maggiore

La linea continua mostra, invece, il trend che abbiamo avuto in questi anni: l’indice S&P 500 ha reso mediamente di più rispetto a MSCI World.

Passando da mesi ad anni possiamo fare le stesse considerazioni con una correlazione tra i 2 indici ancora maggiore.

Rendimenti annuali MSCI World vs S&P 500
Rendimenti annuali MSCI World vs S&P 500

Prevedere il rendimento di MSCI World e S&P500

Mi sono chiesto, a questo punto, se i due indici avessero un ritardo mensile.

Cioè se MSCI World fosse correlato ancor di più con quello che succede il mese prima al famoso indice USA.

Quello che ho ottenuto da questa prova è praticamente nulla. Non possiamo investire nell’indice globale sulla base di quanto successo il mese prima su S&P 500. Non esiste nessuna chiara correlazione.

Correlazione S&P 500 vs MSCI World
Correlazione tra i due indici 1/2

Stesso discorso, anzi forse anche peggio, qualora si provi a fare il ragionamento opposto: prevedere l’andamento di S&P 500 sulla base di quello che è accaduto il mese prima su MSCI World.

Correlazione MSCI World vs S&P 500
Correlazione tra i due indici 2/2

Rendimenti MSCI World vs S&P 500

A conferma di quanto detto sopra possiamo analizzare il range dei rendimenti ottenuti sempre dal 1987 al 2020.

Se sei interessato ad approfondire le performance relative a S&P 500 puoi leggere quest’articolo.

Notiamo subito che entrambi gli indici hanno mensilmente restituito per la maggior parte delle volte un rendimento positivo:

  • MSCI World ha avuto il 63% di mesi in positivo
  • S&P 500 ha avuto il 62% di mesi in positivo

I rendimenti hanno avuto una variazione all’interno del +/- 15%.

Range di rendimenti mensili
Range di rendimenti mensili

Allargando lo zoom a un intervallo annuale le considerazioni si ribaltano in quanto:

  • L’indice azinario globale ha avuto il 75% di anni in positivo
  • L’indice USA ha avuto l’80% circa di anni in positivo
Range di rendimenti annuali
Range di rendimenti annuali

In entrambi i casi rimane la considerazione della prevalenza di rendimenti positivi a quelli negativi.

Qual è il migliore mese in cui investire?

S&P500 ha avuto le performance maggiori nel mese di Novembre. In media dal 1987 al 2020 ha reso nel mese autunnale il 2%.

Settembre, d’altra parte, è stato il mese che ha restituito in media le performance peggiori con un – 0.6% di media.

Nel mese di Novembre, tuttavia, non è mancata la volatilità. Si sono registrati negli anni rendimenti che variano all’interno di un range del +/-10%.

Maggio e Giugno, invece, sono i mesi che hanno restituito performance più stabili con perdite massime di circa il 5%.

Box Plot rendimenti mensili S&P 500
Box Plot rendimenti mensili S&P 500

Per quanto riguarda MSCI World, Aprile è il mese che ha permesso di avere in media le performance maggiori (2%).

Viceversa, il mese peggiore è risultato essere Settembre con una media del -0.8%.

Il mese con i rendimenti più stabili in questo caso è Maggio. C’è da sottolineare che senza i due outlier, Aprile potrebbe essere considerato davvero un buon mese storicamente.

Box Plot rendimenti mensili MSCI World
Box Plot rendimenti mensili azionariato globale

Se sei interessato ad approfondire le performance relative a MSCI World Index puoi leggere quest’articolo

Quale indice ha risposto meglio a un crollo

Dal 1987 al 2000, Standard & Poor’s 500 ha registrato il periodo peggiore a partire da Agosto 2000, durante la bolla del dotcom. Da allora ci sono voluti 13 anni e 4 mesi per recuperare dai massimi raggiunti in precedenza. Un investitore entrato nel mercato in quel periodo ha visto il suo capitale ridursi fino al 60%.

Per quanto riguarda l’indice globale MSCI il peggior periodo è sempre stato, anche in questo caso, quello relativo alla bolla tecnologica. In questo caso da Agosto 2000 ci sono voluti 13 anni e 2 mesi per raggiungere il nuovo picco di rendimenti.

In questo caso un investitore entrato nel mercato in quel periodo ha visto il suo capitale ridursi fino al 55%.

Drawdown MSCI World - S&P500
Drawdown Azionariato Globale – S&P500

In conclusione

Dal 1987 ad oggi chi ha investito in S&P 500 ha senza dubbio avuto un portafoglio con rendimenti maggiori rispetto a chi ha deciso una via più prudente e rivolgersi a ETF legati all’azionariato globale come iShares MSCI World.

Capitale InvestitoValore finaleRendimentoDev. StandardIndice di Sharpe
MSCI World€10000€1317508.17%14.86%0.53
S&P500€10000€29841510.90%15.73%0.67

Tuttavia, all’interno di un ciclo economico esistono varie fasi che vanno dalla crescita al crollo dei mercati.

Ciclo di un mercato

Investire in un unico stato vuol dire esporsi maggiormente a questi cicli economici. Viceversa, si ha la possibilità di ricalcare diversi cicli economici relativi alle diverse aree geografiche del mondo.

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche:

siddartha sui fiori per mercati emergenti guidaglinvestimenti.it

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Leonardo

    Interessante, grazie

Lascia un commento