Tempo di lettura: 5 minuti
4
(1)

Permanent Portfolio di Harry Browne

Harry Browne, ideatore del Permanent Portfolio, è stato uno scrittore, politico Americano e consulente finanziario.

Come molti altri portafogli analizzati, il Permanent Portfolio assume che sia impossibile prevedere il mercato. Ciò implica che bisogna prepararsi ad ogni situazione investendo, quindi, in modo da proteggersi in ogni fase di mercato.

Insomma, la filosofia alla base è molto simile a quella di Ray Dalio nel suo All Weather.

All Season Ray Dalio

Asset all’interno del Permanent Porfolio

Il portafoglio Permanent Porfolio è composto dal:
Azioni, 25%
Obbligazioni a lungo termine, 25%
Obbligazioni a breve termine, 25%
Oro, 25%

In modo particolare abbiamo una pari suddivisione di:
– Azioni USA grande capitalizzazione
– Oro
– Obbligazioni USA lunga scadenza
– Obbligazioni USA breve scadenza

Allocazione Permanent Portfolio
Allocazione Permanent Portfolio

La tabella in basso, in particolare, riporta tutti gli ETF che un investitore USA dovrebbe utilizzare per replicare pedissequamente questo portafoglio.

PesoNome ETFTipo di Investimento
25.00 %Vanguard Total Stock MarketEquity, U.S., Large Cap
25.00 %SPDR Blmbg Barclays 1-3 Mth T-BillBond, U.S., Ultra Short-Term
25.00 %iShares 20+ Year Treasury BondBond, U.S., Long-Term
25.00 %SPDR Gold TrustCommodity, Gold
Permanent Portfolio – ETF USA

Un investitore europeo che volesse mantenere l’esposizione nel mercato USA dovrebbe ovviamente usare strumenti diversi. Un esempio potrebbe essere quello riportato nella tabella che segue

NOME ETFCODICE ISINPERCENTUALE
iShares MSCI USA UCITS ETF (Acc)IE00B0M62Q5825%
iShares USD Treasury Bond 20+yr UCITS ETF USD (Acc)IE00BFM6TC5825%
iShares USD Treasury Bond 1-3yr UCITS ETF (Acc)IE00B3VWN17925%
ETFS Physical GoldJE00B1VS377025%
Permanent Portfolio – ETF Europa

Come è andato storicamente questo portafoglio?

Andando ad analizzare i dati di Portfolio Charts e di Lazy Portfolio ETF possiamo capire rapidamente la potenza del Permanent Portfolio.

Partiamo con i rendimenti.

Dal 1978 a oggi questo portafoglio ha avuto un rendimento annualizzato del 8.5% circa. Ciò significa che 1000 euro investiti nel 1978 sarebbero diventati circa 31821 euro. A questo vanno poi sottratte spese, tasse e inflazione.

Permanent Porfolio - rendimento
Permanent Porfolio – rendimento

Volendo analizzare il rendimento del portafoglio al netto dell’inflazione dal 1970 ad oggi vediamo che il rendimento medio passa al 5.0% annuo. Cosa interessante da analizzare è che questo portafoglio, nel periodo preso in considerazione, per il 26% delle volte ha chiuso l’anno in negativo.

Permanent Porfolio - rendimento medio
Permanent Porfolio – rendimento medio

Ancora più interessante è notare come questo portafoglio abbia costantemente restituito una performance positiva dopo 10 anni di investimento. Nei peggiori dei casi, infatti, ha avuto un 3% medio annuo.

Permanent Porfolio - rendimento dopo 10 anni di investimento
Permanent Porfolio – rendimento dopo 10 anni di investimento

Infine, l’allocazione del 25% in oro ha permesso di avere perdite massime contenute. Ad esempio il giorno peggiore durante il crollo relativo al coronavirus è stato del 2% circa.

Permanent Porfolio - massimo drawdown
Permanent Porfolio – massimo drawdown

Analizzando questo portafoglio con altri famosi, possiamo quindi capire che le perfomance sono più contenute ma, allo stesso modo, anche i rischi sono minori.

Tutto ciò in parte è dovuto alla forte esposizione in oro e obbligazioni (75% del totale) che permettono di livellare i rendimenti.

Confronto tra portafogli
Permanent Portfolio vs altri portafogli

Permanent Portfolio con esposizione globale

Come spesso detto la diversificazione credo sia un must per evitare delle esposizioni troppo elevate (sia in termini geografici che in termini di settori economici). Esposizioni che spesso coincidono con rischi relativamente maggiori.

Una possibile variante di tale portafoglio può essere quella che segue nella tabella in basso dove è stato considerato un indice azionario globale e obbligazioni europee.

NOME ETFCODICE ISINPERCENTUALE
iShares MSCI World UCITS ETFIE00B4L5Y98325%
Invesco Physical Gold AIE00B579F32525%
iShares Euro Government Bond 1-3yr UCITS ETF (Dist)IE00B14X4Q5725%
iShares Core Euro Government Bond UCITS ETF (Dist)IE00B4WXJJ6425%
Portafoglio Rick Ferri Core Four – Investitore Europeo

Per chi volesse optare per obbligazioni globali potrebbe pensare di scegliere l’ETF: Xtrackers Global Sovereign UCITS (ISIN LU0378818131).

Come si sarebbe comportato questo portafoglio rispetto “all’originale”?

In termini di performance non c’è storia.

Il Permanent Portfolio esposizione mondiale ha avuto un rendimento molto stabile negli ultimi 10 anni rispetto ad altri.

Questo ce lo aspettavamo viste le considerazioni fatte sopra.

MSCI World vs Golden Butterlfy World vs All Weather Euro vs Permanent Portfolio Euro - Rendimenti
MSCI World vs Golden Butterlfy World vs All Weather Euro vs Permanent Portfolio Euro – Rendimenti

Tutte queste considerazioni sono confermate andando ad analizzare i massimi drawdown registrati da vari portafogli rispetto a quello in esame.

Vediamo infatti che negli ultimi 10 anni l’indice MSCI World ha fatto registrare un -15% massimo circa di drawdown.

Il Permanent Portfolio, invece, si è fermato a un 7% circa.

MSCI World vs Golden Butterlfy World vs All Weather Euro vs Permanent Portfolio Euro - Perdite massime
MSCI World vs Golden Butterlfy World vs All Weather Euro vs Permanent Portfolio Euro – Perdite massime

Per avere un quadro finale delle performance relative a questo tipo di portafoglio rispetto ad altri analizzati vi riposto una tabella riassuntiva finale. Vengono in particolare analizzate le performance annuali degli ultimi 10 anni con la deviazione standard.

Questo perchè, al solito, le performance vanno sempre rapportate ai rischi intrinsechi di un investimento.

PortafoglioCapitale InvestitoGuadagnoCAGRDeviazione Standard
MSCI World10000 euro25839 euro12.19%10.27%
All Weather – Euro10000 euro14117 euro4.27%6.15%
Golden Butterfly – World10000 euro16469 euro6.23%6.92%
Permanent Portfolio Euro10000 euro14424 euro4.54%5.17%
MSCI World vs Golden Butterlfy World vs All Weather Euro vs Permanent Portfolio Euro

Quello che balza subito all’occhio è che le performance sia in termini di rendimento che in termini di deviazione standard del Permanent Portfolio siano molto simili a quelle dell’All Weather.

Il portafoglio di Harry Browne permette, inoltre, di dimezzare la deviazione standard rispetto al MSCI World pagando però un prezzo in termini di rendimenti: MSCI World ha infatti reso negli ultimi 10 anni quasi 3 volte in più.

In conclusione

Il Permanent Portfolio è una delle tante opzioni che la letteratura ci offre per poter investire in modo “passivo“.

Abbiamo visto come l’esposizione di questo tipo di portafoglio ci porta ad avere rischi relativamente minori di altre soluzioni come può essere un azionariato puro o un altro portafoglio diversificato come il Golden Butterfly o l’All Weather.

Minori rischi equivalgono a minori guadagni nel lungo termine. Questo tipo di portafoglio ne è la riprova.

Va sempre ricordato che le perfomance passate non sono garanzia di performance future.

Esistono diversi tipi di portafogli e tutti diversi tra di loro, sta all’attitudine della persona e alle singole esigenze capire su cosa protendere.

Quanto ti è piaciuto il post?

  • Categoria dell'articolo:Lazy Portfolio

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Alessandro

    É un articolo molto interessante per chi come me si sta avvicinando all’argomento e mi fa molto piacere che ci sia un blog come questo che ne parli in maniera così esaustiva ed accessibile

    1. Ciao Alessandro,

      Davvero grazie per il tuo feedback, mi fa davvero piacere! Spero che troverai altri articoli altrettanto interessanti all’interno del blog.

      Fammi sapere e buone feste

      Francesco

Lascia un commento