Tempo di lettura: 7 minuti
0
(0)

Costruire un Portafoglio ad Alti Dividendi

Un portafoglio ad alti dividendi è un portafoglio caratterizzato da azioni che staccano in modo continuativo dividendi, per l’appunto, più alti della media.

Si tratta per lo più di large stock, cioè aziende ad alta capitalizzazione e mature che preferiscono girare agli azionisti parte degli utili piuttosto che reinvestirli nell’azienda stessa.

Questo tipo di portafoglio permette di avere:

  • Cashflow dovuto allo stacco periodico dei dividendi
  • Rendimenti comparabili con quelli del mercato di riferimento, 11% annuo negli ultimi 10 anni
  • Volatilità bassa per essere un portafoglio 100% azionario

In letteratura esistono vari esempi di questo tipo di portafoglio, proviamo ad analizzarne uno made in USA per capirne bene i vantaggi e svantaggi.

Nello specifico analizziamo un portafoglio composto da queste 10 società in parti uguali (10%):

  • The Coca Cola Company (KO)
  • The Procter and Gamble Company (PG)
  • 3M Company (3M)
  • Walmart Inc. (WMT)
  • Colgate-Palmolive Company (CL)
  • Air Products and Chemicals, Inc (APD)
  • International Business Machines Corporation (IBM)
  • Kimberly-Clark Corporation (KMB)
  • Emerson Electric Co. (EMR)
  • Johnson & Johnson (JNJ)

Si tratta quindi di azioni che pagano dividendi negli ultimi 10 anni in modo continuo e con un trend crescente.

alti dividendi delle 10 principali aziende USA

Analisi del Portafoglio ad Alti rendimenti made in USA

Le aziende che caratterizzano questo portafoglio sono tutte ad alta capitalizzazione e in una fase matura del mercato

Negli ultimi 10 anni questo portafoglio (curva blu del grafico in basso) avrebbe reso il 212% circa contro il 210% di S&P500.

Tutto ciò nelle ipotesi di reinvestire i dividendi acquisiti e ribilaciare tutto ogli 3 mesi.

In parole semplici: 10,000 euro investiti in questo tipo di portafoglio sarebbero diventati circa 30,000 euro.

Rendimento portafoglio ad alti dividendi vs S&P500

Interessante, inoltre, andare a considerare la massima perdita generata da questo tipo di portafoglio.

Volendo sempre avere S&P500 come riferimento abbiamo che per entrambi la massima perdita degli ultimi 10 anni è avvenuta in concomitanza del COVID, in particolare:

  • S&P500 -30% circa
  • Portafoglio ad alti dividendi -25% circa

Abbiamo quindi che questo tipo di portafoglio negli ultimi 10 anni ha avuto rendimenti simili e perdite massime minori. Tutto ciò si accompagna anche a una minore volatilità.

massima perdita portafoglio ad alti dividendi

Il 23 Marzo 2020 è stata proprio una giornata nera per tutte le azioni in generale.

massime perdite azioni all'interno del portafoglio ad alti dividendi

Allargando l’orizzonte temporale, andando ciè ad analizzare i rendimenti dal 1985 ad oggi i risultati ottenuti sono ancora più interessanti.

Abbiamo infatti che il portafoglio ad alti rendimenti ha avuto un rendimento annualizzato del 13.5% contro un 10.5% di S&P500:

  • S&P500 avrebbe “trasformato” 10,000 euro in 330,000 euro circa
  • Il Portafoglio ad alti dividendi avrebbe “trasformato” 10,000 euro in circa 820,000 euro.

Ovviamente sempre nelle ipotesi di pagamento dividendi dirottato direttamente nel portafoglio e di ribilanciamento ogni 3 mesi.

Portafoglio ad alti rendimenti vs S&P500 dal 1985

Come hanno reso le singole azioni negli ultimi 10 anni?

The Coca Cola Company (KO)

Non credo ci sia bisogno di descrizioni per questa azienda. 

Negli ultimi 10 anni Coca Cola ha reso un totale del 166% circa. Azioni per 10,000 euro oggi varrebbero 26,600 euro circa.

Si tratta di un titolo con rendimento molto stabile, la massima perdita registrata in questo intervallo di tempo è stata di circa il 17% a Marzo 2020.

Azioni Coca Cola

The Procter and Gamble Company (PG)

Multinazionale americana di beni di largo consumo. Molti prodotti che usiamo tutti i giorni sono prodotti da questa azienda.

P&G marchi

Il rendimento delle azioni di P&G è stato del 230% circa. Questo significa che i soliti 10,000 euro di azioni nel 2010 oggi varrebbero 32,700 euro con una perdita massima del 9% circa a Febbraio 2020.

Azione P&G

3M Company (3M)

Come nel caso di P&G, 3M company è più conosciuta per la vasta gamma di prodotti industriali presenti sul mercato.

3M marchi

Anche qui si tratta di un’azienda storica con pagamento di dividendi solidi e costanti.

Il rendimento totale nei 10 anni è stato del 172% circa, 10,000 euro investiti in questi azioni oggi varrebbero 27,200 euro.

La perdita massima registrata, invece, è stata del 15% nel 2019. Interessante notare come durante il COVID le azioni MMM non abbiamo registrato il massimo picco (-9% a Marzo 2020).

azione MMM

Walmart Inc. (WMT)

Chi è andato almeno una volta in America non può non aver almeno visto uno dei grandi supermecati Walmart.

Durante le crisi come appunto quella del COVID questo tipo di azione è quella che resiste meglio. Walmart ha registrato un -6% a Febbraio ma subito seguito da un +6% di Marzo 2020.

Per quanto riguarda i rendimento quest’azione ha ottenuto un +250% circa, i 10,000 euro in questo caso sarebbero diventati 34,600 euro.

azione Walmart

Colgate-Palmolive Company (CL)

L’azienda che si occupa di prodotti per la protezione del corpo ha avuto un rendimento del 150%. Le azioni si sono così apprezzate di un fattore x2.5 tramutando i soliti 10,000 euro in 25,000 euro circa.

Colgate-Palmolive marchi

La perdita massima è stata del -10.5% a Ottobre 2018.

Azione Colgate-Palmolive

Air Products and Chemicals, Inc (APD)

Air Products & Chemicals è una società statunitense specializzata nella produzione di prodotti chimici e gassosi meno conosciuta da noi.

Il rendimento è stato decisamente alto, ben il 415% facendo registrare quasi un x5. Ad oggi con 10,000 euro investiti nel 2010 avremmo un controvalore di 51,500 euro circa. La perdita massima (-10%) è avvenuta nel 2010 mentre a Febbraio/Marzo 2020 il drawdown è stato del -8%.

azione Air Products and Chemicals

International Business Machines Corporation (IBM)

Come nel caso di Coca Cola, IBM non ha bisogno di nessuna introduzione.

Il rendimento di quest’azione è stato decisamente minore rispetto a quelle analizzate in questo articolo: 24%. I 10,000 euro in questo caso sarebbero stati quasi invariati (12,400 euro).

A Ottobre 2018 le azioni hanno avuto una perdita massima del 24%.

azione IBM

Kimberly-Clark Corporation (KMB)

In pochi credo abbiano sentito parlare di Kimberly-Clark. Vedendo l’immagine in basso, però, forse qualcuno dei loro prodotti ci può sembrare familiare.

Kimberly-Clark Corporation marchi

Il rendimento è nella media delle altri azioni di questo portafoglio (+220%, i 10,000 euro hanno visto un moltiplicatore di x3.2).

Perdita massima del 9% nel 2016 e del 8% nel crollo COVID.

Kimberly-Clark Corporation azione

Emerson Electric Co. (EMR)

Si tratta di una società che offre servizi di ingegneria rivolta a molti settori industriali.

Le performance ottenute del 126% con un x2.2 sui nostri cari 10,000 euro. Quest’azione ha sofferto molto la crisi del COVID con una perdita massima del -26%.

azione Emerson Electric all'interno del portafoglio ad alti dividendi

Johnson & Johnson (JNJ)

Società farmaceutica famosa anche nel mercato italiano.

Performance in linea con quelle del portafoglio ad alti dividendi: +210% (x3.1).

I crolli in questo casi sono stati del -12% nel 2018 e del -9% nel Febbraio del 2020.

azione Johnson & Johnson all'interno del portafoglio ad alti dividendi

Portafoglio ad alti dividendi vs FANG

Abbiamo visto come un portafoglio ad alti dividendi dia performance simili a quelle del mercato nei 10 anni e come, sul lungo termine, queste performance tendono a divergere.

Per un’analisi completa però proviamo a fare un confronto con un portafoglio molto più aggressivo e rischioso. Proviamo infatti a confrontare le performance di questo portafoglio con quello FANG (Facebook, Amazon, Netflix e Google).

Ricordo che questo tipo di portafoglio, concentrandosi su un unico settore, ha un grado di rischio molto più alto rispetto a quello analizzato in quest’articolo.

Fatte queste premesse possiamo comunque apprezzare una bella differenza di rendimento:

  • FANG con rendimento dal 2013 ad oggi del 42% circa annuo e perdita massima del 23%
  • Alti dividendi con rendimento dal 2013 ad oggi del 11% annuo e perdita massima del 15%
Portafoglio ad alti dividendi vs Portafoglio FANG

ETF ad alti dividendi

Possiamo ovviamente optare per un semplice ETF come: SPDR S&P US Dividend Aristocrats UCITS (ISIN IE00B6YX5D40 e TER 0.35%).

Attraverso quest’unico strumento finanziario è possibile investire in titoli azionari dell’indice S&P Composite 1500 che hanno aumentato i dividendi di anno in anno per almeno 20 anni consecutivi. Di questo club di aristocratici ho già parlato all’interno di un altro articolo per chi fosse interessato.

Volendo continuare lo stesso tipo di analisi fatto per le azioni di cui sopra possiamo, vedere che questo ETF ha reso dal 2011 ad oggi circa il 200% con una perdita massima del 15% avuta sempre a Marzo 2020.

SPDR S&P US Dividend Aristocrats UCITS (ISIN IE00B6YX5D40 e TER 0.35%) come alternativa al portafoglio ad alti dividendi

In conclusione

Un portafoglio ad alti dividendi può essere una valida soluzione per chi preferisce azioni solide strutturate e ad alta capitalizzazione.

Come sempre le analisi sono basate su dati storici, nessuno sa se nel prossimo o lontano futuro questi dati potranno essere confermati. Questo tipo di analisi, però, ci può aiutare a capire in relativo come un portafoglio del genere si comporta rispetto ad altri.

Un discorso analogo potrebbe essere fatto con azioni italiane, cioè un portafoglio ad alto dividendo caratterizzato da azioni unicamente italiane, o europee. Il risultato relativo rispetto al proprio benchmark di riferimento non cambierebbe di molto.

Vuoi conoscere altri portafogli “lazy”?
Leggi questo articolo sui Lazy Portfolio:

lazy portfolio carlino che dorme nel letto guidaglinvestimenti.it

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. CatchyFinance

    Ciao, complimenti per l’analisi! Da considerare anche quando si parla di portafoglio ad alti dividendi che la tassazione è uno dei contro. Nel lungo periodo l’accumulo dà benefici su questo punto di vista

    1. Ciao,

      Grazie mille! Pienamente d’accordo e grazie per il tuo commento.

      Saluti

Lascia un commento