Tempo di lettura: 4 minuti
0
(0)

Quanto risparmiare al mese per vivere di rendita con gli investimenti?

Uno degli obiettivi che si pone chi decide di investire è quello di andare prima in pensione, di ritirarsi dalla vita lavorativa e vivere con i frutti dei propri risparmi. Per avere un obiettivo più preciso un risparmiatore dovrebbe avere un’idea di quanto risparmiare al mese e, conseguentemente, investire per poter andare in pensione entro un certo numero di anni.

Mi spiego meglio.

Se io guadagnassi 1500 euro al mese netti quanto dovrei risparmiare al mese per poter lasciare il lavoro e vivere con pari rendita dai miei investimenti?

Avere un obiettivo chiaro e misurabile è la chiave del successo di ogni nostra azione. Se così non fosse potremmo non avere la giusta spinta a compiere certe azioni.

Ma andiamo avanti con i calcoli.

salvadanaio al mare quanto risparmiare al mese guidaglinvestimenti.it

Quanto risparmiare al mese?

Ci viene qui in aiuto un articolo del famoso blog USA Mr Money Mustache.

Le sue ipotesi sono chiare:

  • Investimento che può rendere un 5% annuo al netto dell’inflazione
  • Tasso di prelievo del 4% dopo il pensionamento
  • Non intaccare il capitale ma utilizzare solo i guadagni degli investimenti

Prima di andare avanti faccio solo notare che la prima ipotesi può sviare. In realtà un indice raramente restituisce il rendimento medio anno per anno e come i rendimenti si susseguono anno per anno influenza molto il successo della nostra strategia.

Riprendiamo l’esercizio.

Dai calcoli fatti risulta che, a prescindere dallo stipendio, se riuscissi a risparmiare il 50% del mio stipendio avrei bisogno di 17 anni per poter raggiungere un capitale tale per cui posso ritirarmi con una rendita mensile pari al mio stipendio.

Risparmio [%]Anni di lavoro prima del ritiro
566
1051
1543
2037
2532
3028
3525
4022
4519
5017
5514.5
6012.5
6510.5
708.5
757
805.5
854
90<3
95<2
1000
Quanto risparmiare al mese per andare in pensione?

Facciamo ora alcune considerazioni.

Mettiamo che guadagno 1500 euro al mese. Tra le varie spese ho un abbonamento a una pay per view di 50 euro al mese. Questo abbonamento cuba da solo il 3% circa del mio stipendio. Se invece di usarli per la payperview li investissi, allora potrei pensare di accorciare le tempistiche di ritiro di 1.3 anni.

Potremmo andare avanti all’infinito con questo tipo di considerazioni. Per chi fosse interessato a questo tipo di considerazioni può utilizzare questo tool.

E se avessimo un rendimento maggiore?

Quanto risparmiare al mese qualora riuscissimo ad avere un rendimento maggiore del 5% ipotizzato?

Bene le cose cambiano molto al variare del rendimento.

Torniamo al caso precedente, se riuscissi a risparmiare il 50% ma con un rendimento annuo medio del 10% potrei pensare di andare in pensione dopo circa 13 anni.

Fonte OfDollarsAndData.com

Quanto risparmiare al mese e che rendimento dovrei avere per andare in pensione dopo 10 anni di lavoro?

Sono molte le combinazioni… ad esempio con un rendimento del 10% potrei pensare di ritirarmi mettendo da parte il 60% del mio stipendio.

Con un rendimento del 4%, invece, dovrei risparmiare quasi il 70%.

In linea generale l’interesse composto funziona bene con il tempo: maggiore è il tempo a disposizione maggiore è l’effetto del rendimento composto. Questo significa che se si volesse andare in pensione in pochi anni non è tanto importante il rendimento del proprio investimento ma diventa focale quanto risparmiare al mese.

Viceversa, se avessimo maggior tempo a disposizione maggiore tempo allora il rendimento inizia ad assumere un ruolo fondamentale.

Come detto in precedenza, un rendimento medio annuo del 5% al netto dell’inflazione non è fantascienza. Investire in un ETF che ha come sottostante un indice azionare come S&P500 o MSCI World permette di avere questi guadagni sul lungo termine.

Bisogna comunque considerare che questa è un’analisi semplicistica in cui molte variabili non sono state prese in considerazione. Oltre a quelle già citate sopra, non sono stati considerati i costi di ogni singola operazione e la tassazione.

Questi 2 parametri impattano molto il risultato finale. Basti pensare che in Italia si paga il 26% sul capital gain… non roba di poco conto.

In conclusione

Prima cosa: bisogna avere un obiettivo chiaro e misurabile. Questo ci aiuta ad avere una chiara direzione su quello che dobbiamo fare per raggiungerlo.

Fatto ciò dovremmo pensare quanto risparmiare al mese e in che asset investire per poter tagliare il traguardo.

Se il nostro obiettivo fosse quello di ritirarsi dalla vita lavorativa prima del raggiungimento di età anagrafica o lavorativa allora un calcolo semplicistico può essere fatto con i tool mostrati sopra.

Ricordiamo però che quelli sono calcoli molto approssimativi che non tengono in considerazione una lunga serie di fattori. Fattori che vanno ad impattare in modo non banale il nostro tragitto verso l’obiettivo.

Se vuoi approfondire questo articolo leggi anche Movimento F.I.R.E: (a cui si ispira Mr. Money Mustache) e Come differisce il rendimento medio da quello annuo:

fire movement

rendimento medio e annuo che differenza c'è guidaglinvestimenti.it

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento