Tempo di lettura: 3 minuti
0
(0)

Quali strategie per investire in obbligazioni?

Anche investire in obbligazioni comporta dei rischi.

Spesso il risparmiatore decide di investire unicamente in obbligazioni credendo che, in questo modo, non corra alcun rischio. Le obbligazioni hanno un rendimento che l’emittente si impegna a pagare.

In realtà esistono anche qui dei rischi da tenere a mente. Solo per citarne alcuni:

  • L’aumento dei tassi di interesse
  • Rischio di default dell’emittante
  • L’aumento dell’inflazione

L’investitore che ha intenzione di avere in portafoglio un’esposizione più o meno ampia dovrebbe conoscere tutti i rischi impliciti e, conseguentemente, proteggersi.

Esistono in letteratura diverse strategie di investimento esclusivamente dedicate alle obbligazioni. Ognuna di questa con i pro e contro del caso. Le principali strategie per investire in obbligazioni sono:

  • Barbell Strategy
  • Ladder Strategy
  • Bullet Strategy
Principali Strategie per investire in obbligazioni
Principali Strategie per investire in obbligazioni – Fonte: municipalbonds.com
STRATEGIE PER INVESTIRE IN OBBLIGAZIONI GUIDAGLINVESTIMENTI.IT

Barbell Strategy

Abbiamo parlato della strategia di Barbell ideata da Nassim Taleb in un altro articolo.

In breve, questa strategia prevede di investire in asset ad alto rischio e a basso rischio evitando le vie di mezzo. Nello specifico delle obbligazioni ciò si tradurrebbe in investire in obbligazioni a breve scadenza e a lunga scadenza.

Le obbligazioni a breve scadenza consentono all’investitore di avere sempre liquidità disponibile e di avere una maggiore flessibilità nello scegliere eventuali alternative nel caso in cui avvenissero degli eventi contrari come, ad esempio, una variazione dei tassi di interesse.

Le obbligazioni a lunga scandeza, invece, permettono di massimizzare i rendimenti. Questo tipo di obbligazioni sono quelle più esposte a rischi (di default cambi di tassi di interesse o di inflazione) e per tale motivo sono caratterizzate da maggiori rendimenti.

Ladder Strategy

Tra le strategie per investire in obbligazioni non possiamo non citare la Ladder Strategy.

La Ladder Strategy, o strategia della scala, prevede di investire in obbligazioni con diverse scadenze: breve, media e lunga scadenza.

Per spiegare questa strategia facciamo un esempio.

Immaginiamo di avere 100 mila euro e di volerli investire interamente in obbligazioni seguendo la Ladder Strategy.

Possiamo quindi decidere di investire una somma uguale (20 mila euro) su 5 diverse obbligazioni a diversa scadenza:

  1. Obbligazioni con scadenza a 2 anni con rendimento 0.5%
  2. Obbligazioni con scadenza a 4 anni con rendimento 0.75%
  3. Obbligazioni con scadenza a 6 anni con rendimento 1%
  4. Obbligazioni con scadenza a 8 anni con rendimento 1.5%
  5. Obbligazioni con scadenza a 10 anni con rendimento 1.75%

Appena la prima obbligazione va in scadenza l’investitore dovrà reinvestire il capitale così ottenuto in una nuova obbligazione con scadenza a 10 anni. E così via..

Il vantaggio di questa strategia è quella di avere un portafoglio obbligazionario diversificato e di non rimanere vincolato per troppo tempo. Questo permette di essere meno esposto ai rischi del caso ma la continua compra-vendita andrà ad aumentare i costi dell’investimento.

Bullet Strategy

La Bullet strategy, infine, prevede che un risparmiatore investe tutto il suo capitale in obbligazioni che scadono tutte nello stesso periodo.

Ad esempio il risparmiatore potrebbe decidere di investire in obbligazioni con scadenza 10 anni. Dopo 3 anni lo stesso risparmiatore potrebbe avere la possibilità di investire una cifra ulteriore, in quel caso dovrà comprare obbligazioni con scadenza a 7 anni. La nuova obbligazione non avrà gli stessi rendimenti della precedente non solo perchè scade a 7 anni anzichè a 10 ma sarà soggetta a tutte le condizioni al contorno diverse rispetto alla precedente (ad esempio nuovi tassi di interesse).

Tra le strategie per investire in obbligazioni questa è quella che funziona meglio per quel risparmiatore che ha un’esigenza precisa di spesa per una determinata data.

Ad esempio, un risparmiatore che decide di investire per poter regalare al figlio una bella somma al 18° anno di età.

In conclusione

Esistono davvero molte strategie per investire in obbligazioni. Ad ogni modo una cosa va chiarita: investire in obbligazioni non è sicuro al 100%. Esistono molti rischi da tener conto e che vanno conosciuti per prendere una decisione ad hoc per le proprie esigenze.

Esistono diverse strategie adatte a questo tipo di investimento. Le 3 principali disponibili in letteratura sono:

  • Barbell Strategy
  • Ladder Strategy
  • Bullet Strategy

Ognuna di queste strategie ha dei pro e dei contro, non esiste la migliore. Al solito, non esiste l’investimento perfetto ma esiste l’investimento più adatto per le proprie esigenze e disponibilità.

Stesso discorso può essere fatto con le strategie di investimento per obbligazioni. Fatte le dovute analisi e considerazioni vanno compresi bene i pro e i contro.

Potrebbe interessarti anche approfondire la Barbell Strategy:

strategia barbell guidaglinvetimenti.it

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento