Tempo di lettura: 4 minuti
0
(0)

Come possiamo pagare meno tasse sul capital gain?

Come possiamo ridurre la quota di tasse sul capital gain?

Giusto un recap. Per ogni guadagno finanziario che registriamo dobbiamo pagare una tassa che, nella maggior parte dei casi, è pari al 26%.

Quindi, se investo 10 mila euro e guadagno 5 mila euro in tasca non avrò 15 mila euro. Avrò 10 mila euro più 3700 euro di guadagno netto: 13700 euro di guadagno pulito e 1300 euro di tasse.

Il punto è che le tasse si pagano nel momento in cui il titolo posseduto viene venduto. Fin quando io non vendo il mio strumento finanziario non devo pagare alcuna tassa.

Per i dividendi si può fare un ragionamento analogo: ogni volta che riceviamo un dividendo dobbiamo pagare una tassa che nella maggior parte dei casi è del 26%. Discorso quindi molto simile al caso precedente.

tasse sul capital gain

Perchè scegliere ETF ad Accumulazione

Gli ETF ad accumulazione permettono di non ricevere i dividendi ma potremmo dire che l’emittente ha mandato di reinvestire direttamente i dividendi. Quello che succede, quindi, è di non pagare alcuna tassa sul dividendo e che quella quota viene reinvestita nel fondo stesso.

Con un ETF a distribuzione ho il vantaggio di avere una cedola periodica ma su cui pago un’imposizione fiscale del 26%. Ecco perchè non è uno strumento fiscalmente vantaggioso.

Negli ETF ad accumulazione, infatti, i proventi dei dividendi o delle cedole vengono reinvestiti per aumentare il valore delle quote dell’ETF.

Quindi non riceverai un dividendo periodico, ma un aumento maggiore del prezzo del titolo stesso. I dividendi quindi verranno sfruttati al massimo.

La normativa fiscale italiana fa così in modo che gli ETF ad accumulazione sul lungo periodo sono molto più vantaggiosi di quelli a distribuzione.

Posticipare il pagamento delle tasse sul capital gain

Ma veniamo a noi: come faccio a pagare meno tasse sul capital gain?

Semplice. Spostando in avanti il pagamento delle tasse, proprio quello che ci permette di fare un ETF ad accumulazione.

Mi spiego.

Con un ETF ad accumulazione pagherò tasse solo nel momento in cui deciderò di vendere lo strumento. Questo fenomeno mi permette di ritardare il pagamento di ogni singola tassa al momento della vendita del titolo. Vendita che per un investitore di lungo periodo può avvenire anche dopo 30 anni di investimenti.

Bene, questa concessione ci permette di ottenere un vantaggio fiscale che va ad accentuarsi con gli anni.

Se non ci credete proviamo a fare un esempio.

Immaginiamo di investire 100 mila euro e di ottenere un rendimento fisso pari al 5%.

Dopo 1 anno, felice di questo rendimento, decido di vendere il mio ETF ad accumulazione. Mi faccio i conti in tasca e vedo che, trascurando i costi degli strumenti, avrò ottenuto:

  • Un capitale finale di 105 mila euro a cui dovrò sottrarre 1300 euro di tasse sul capital gain
  • Un capitale al netto delle tasse pari a 103700 euro
  • Tutto ciò porta a un rendimento netto pari al 3.7%

Immaginiamo ora che invece di vendere subito decidessimo di aspettare 30 anni. Ovviamente con un rendimento pari al 5% annuo avremo ottenuto un capitale finale molto maggiore:

  • Dopo 30 anni il capitale finale sarà di 432194 euro
  • Questo ci porterà a pagare tasse sul capital gain pari a 86371 euro
  • Anche se in valore assoluto stiamo parlando di una cifra molto maggiore in realtà in relativo siamo passati da un rendimento netto annuo pari a 3.7% al 4.2% annuo
  • Spostando il pagamento delle tasse di 30 anni abbiamo ottenuto un guadagno pari allo 0.5% annuo

Ecco una tabella che riassume il tutto.

AnniCapitaleTassazioneRendimentoRendimento nettoPeso tassazioneRendimento netto tassazioneCAGR
110500013005%4%1%1037003.7%
2110250266510%8%2%1075853.7%
3115763409816%12%4%1116643.7%
4121551560322%16%5%1159473.8%
5127628718328%20%6%1204453.8%
6134010884234%25%7%1251673.8%
71407101058541%30%8%1301253.8%
81477461241448%35%8%1353323.9%
91551331433555%41%9%1407983.9%
101628891635163%47%10%1465383.9%
1520789328052108%80%13%1798414.0%
2026533042986165%122%16%2223444.1%
3043219486371332%246%20%3458244.2%

Cosa notiamo?

Che il vantaggio fiscale aumenta con il passare degli anni fino a tendere ad un asintoto.

Tasse sul capital gain in funzione del tempo
Tasse sul capital gain in funzione del tempo

Dopo circa 50 anni, quindi, il vantaggio fiscale sulle tasse sul capital gain andrà ad appiattirsi rendendolo quasi impercettibile.

In conclusione

Gli ETF ad accumulazione ci permettono di ritardare il momento del pagamento di qualunque tassa al momento della vendita dello strumento.

Nella pratica, non paghiamo alcuna tassazione sui dividendi a differenza di quello che succede con un ETF a distribuzione.

Aspettare e non vendere subito il titolo ci permette anche di ritardare il pagamento delle eventuali tasse sul capital gain.

Cosa succede così?

Più tardi pago le tasse e minore sarà il peso di queste ultime sul capitale finale che avrò accumulato.

Insomma, non dobbiamo avere fretta… come spesso accade bisogna essere pazienti!

Vuoi avere le basi della finanza personale sempre a portata di mano? Acquista il nostro libro Guida Agli Investimenti. Lo trovi su Amazon!

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento