Tempo di lettura: 5 minuti
0
(0)

Vivere di rendita con gli investimenti

Si può vivere di rendita con gli investimenti? Si può, cioè, pensare di avere una piccola rendita dopo anni di accumulo e investimenti in portafogli più o meno diversificati?

Potremmo fare un rapido calcolo.

Ipotizziamo di avere un portafoglio con un rendimento atteso medio del 5%.

Se questo portafoglio fosse di 50 mila euro potremmo pensare di prelevare 525 euro al mese per 10 anni. In questo modo avremo prelevato fino all’ultimo euro garantendoci una piccola rendita. Rendita che diventerebbe di 263 euro mensili qualora volessimo prolungare il nostro “vitalizio” fino a 30 anni.

Allo stesso modo, un portafoglio di 1 milione di euro ci permetterebbe di vivere di rendita con gli investimenti tramite un prelievo mensile di circa 5300 euro per 30 anni.

Portafoglio10 anni20 anni 30 anni
€50000€525€325€263
€100000€1050€651€527
€300000€3152€1953€1583
€500000€5254€3255€2639
€1000000€10509€6511€5279

Purtroppo questi sono tutti calcoli molto teorici. Non considerano infatti molti fattori come inflazione, tasse e soprattutto volatilità.

Un asset azionario, ad esempio, raramente restituisce il rendimento medio. Il rendimento anno per anno di un indice azionario come MSCI World può avere forti oscillazioni passando da un più o meno 40%.

Ecco quindi che le considerazioni fatte sopra risultano troppo semplicistiche e necessiterebbero di maggiori approfondimenti.

Non dimentichiamoci dell’inflazione. Per mantenere un potere di spesa uguale nel tempo, soprattutto pensando a lunghi orizzonti temporali, dovremo aggiustare il nostro prelievo sulla base dell’inflazione.

Mi spiego.

Se l’anno scorso avessi deciso di prelevare 100 mila euro annui pensando che questa fosse la cifra giusta per vivere secondo i miei standard e quest’anno l’inflazione fosse salita del 2% allora dovrò modificare questa soglia. Dovrò cioè aumentare del 2% il mio prelievo per potermi garantire lo stesso stile di vita: 100 x 2% = 102 mila euro.

VIVERE DI RENDITA in spiaggia senza pensieri guidaglinvestimenti.it
Vivere di rendita con gli investimenti

Ma andiamo oltre

Michael Kitches di Kitches.com ci aiuta ad andare oltre questo semplice calcolo e di fare alcune considerazioni molto approfondite.

L’analisi di Michael Kitches parte da una considerazione analoga a quella fatta in precedenza. Un portafoglio caratterizzato da 60% azioni e 40% obbligazioni ha reso storicamente nel mercato americano circa il 6.3% annuo composto.

Partendo da questo dato di input è facile calcolare che un portafoglio di 1 milione di dollari può permettersi un prelievo del 5.4% annuo per 30 anni. Questo 5.4% annuo è da calcolarsi sulla soglia iniziale (1 milione) e aumentato anno per anno sulla base dell’inflazione.

Vivere di rendita con gli investimenti
Vivere di rendita con gli investimenti

Ma andiamo oltre.

Fin qui tutte le considerazioni fatte sono fatte non considerando la volatilità del mercato, soprattutto quello azionario. Questo semplifica molto le cose quando si fanno calcoli su come vivere di rendita con gli investimenti ma può portarci in errore.

Andando a fare delle analisi storiche con dei rendimenti annuli reali vediamo che un portafoglio 60/40 con un prelievo del 5% si sarebbe esaurito prima dei 30 anni nel 25% dei casi. Quindi, nonostante un prelievo minore rispetto al caso precedente 1 volta su 4 avremo rischiato di dover rinunciare alla nostra rendita.

La regola del 4%

Abbassando la soglia di prelievo dal 5% a 4% (soglia sempre aggiustata in base all’inflazione) riusciamo a raggiungere il 100% di successo: storicamente una persona che ha deciso di vivere di rendita con gli investimenti prelevando il 4% del proprio portafoglio di anno in anno non è mai rimasta a mani vuote considerando un arco temporale di 30 anni.

Notiamo però che le cose non sono andate sempre allo stesso modo.

Ci sono stati anni in cui questo tipo di strategia ha permesso di mantenere praticamente inalterato il valore del proprio portafoglio. Altri in cui, come il 1966, in cui l’investitore si è visto azzerare tutti i suoi risparmi.

Portafoglio 60/40 per 30 anni con prelievo del 4%
Portafoglio 60/40 per 30 anni con prelievo del 4%

Kitches a questo punto ci fa notare una cosa molto interessante.

Il rendimento medio di un portafoglio 60/40 dal 1966 al 1996 Kitches è stato del 9.56% circa. Molto di più della media su tutti gli anni. Come mai quindi abbiamo rischiato di prosciugare il nostro portafoglio?

La risposta è semplice.

Per vivere di rendita con gli investimenti non è importante il rendimento medio ma è importante la sequenza dei rendimenti. Il susseguirsi dei rendimenti anno per anno hanno un peso molto maggiore del rendimento medio annualizzato.

Relazione tra prelievo massimo e rendimento medio

Andando ad analizzare che relazione ci fosse tra il prelievo massimo possibile e rendimento medio del portafoglio sui 30 anni vediamo che:

  • il rendimento medio maggiore ha garantito uno dei prelievi più bassi
  • il maggiore prelievo è stato possibile con un rendimento pari al 7% circa
  • a pari rendimento medio si sono avuti intervalli di prelievo che vanno dal 4% al 10% circa
Relazione tra prelievo e rendimento degli investimenti
Relazione tra prelievo e rendimento degli investimenti

Tutto ciò ci evidenzia, ancora una volta, come non sia tanto il rendimento medio a definire il massimo prelievo che possiamo permetterci ma la serie dei rendimenti.

Vivere di rendita con gli investimenti con un prelievo del 4% ha permesso mediamente di finire con un portafoglio pari a 2.8 volte il valore iniziale.

Vivere di rendita con gli investimento con orizzonte temporale di 30 anni
Vivere di rendita con gli investimento con orizzonte temporale di 30 anni

Solo nel 10% delle volte un risparmiatore ha avuto dopo 30 anni un portafoglio dal valore minore rispetto a quello iniziale e solo in un caso questo valore scende a zero.

Parimente il 10% dei risparmiatori ha avuto dopo 30 anni un portafoglio dal valore pari a 6 volte quello iniziale.

In conclusione

Un investitore che ha come obiettivo quello di vivere di rendita con gli investimenti deve avere un piano tanto dettagliato quanto quello relativo alla costruzione del proprio portafoglio.

Abbiamo visto come non importi tanto il rendimento medio degli anni presi in considerazione quanto la serie dei rendimenti. Questo ci aiuta a capire che per una persona prossima alla pensione avere un portafoglio bilanciato con un asset meno volatile possa permettere di vivere in maggiore tranquillità.

Ad ogni modo, un portafoglio USA caratterizzato dal 60% di azioni e 40% di obbligazioni e un prelievo del 4% (della somma iniziale) ha dimostrato di garantire grossi margini di sicurezza per vivere di rendita con gli investimenti. Tutto ciò considerando anche un fattore importante come l’inflazione. Anzi, storicamente la maggior parte dei risparmiatori hanno avuto la possibilità di aumentare il valore del proprio portafoglio iniziale.

Potrebbero interessarti anche questi articoli sul Movimento FIRE e su come vivere di dividendi:

fire movement

vivere di dividendi guidaglinvestimenti.it

Quanto ti è piaciuto il post?

Francesco Barba

Ingegnere e sommelier, fiero sorrentino appassionato di finanza personale e ottime bottiglie. Scrivo di finanza personale e risparmio sul blog di cui sono co-founder guidaglinvestimenti.it

Lascia un commento